Tra Fairtrade, ambiente e clima, unisci i puntini…

Anche se spesso non emerge nelle nostre attività, clima e ambiente sono strettamente connessi al lavoro di Fairtrade.

Hai appena comprato il tuo primo cioccolato Fairtrade. Hai scoperto (o già lo sapevi) che ci impegniamo per migliorare la vita dei contadini e dei lavoratori, per esempio aiutandoli a lottare per un reddito e un salario dignitosi. Ma, lo sapevi che supportiamo anche gli agricoltori e i lavoratori a essere più resilienti quando si tratta di ambiente e di cambiamento climatico?
Dal migliorare i sistemi agroforestali nel caso del cacao, all’inaugurare scuole per la leadership sulle questioni climatiche, all’istituire fondi per l’emergenza per migliorare la resilienza climatica. Leggi qui, per stare al passo con quello che facciamo.

“Stiamo già lavorando da 15 anni per proteggere l’ambiente. In particolare, abbiamo lavorato per preservare le risorse idriche, riforestare. Abbiamo usato l Premio Fairtrade per farlo” dice Roberto Pineda Gonzalez, presidente della cooperativa Agropecuaria Brisas del Pelon, CABRIPEL, in Honduras. ©Sean Hawkey

1. Formiamo i leader di domani sul clima

112 ragazzi da 41 organizzazioni certificate Fairtrade hanno partecipato alle Accademie di leadership sul clima in America Latina e nei Caraibi. Sono state organizzate in Bolivia, Nicaragua, Gautemala ed Ecuador attraverso il Progetto regionale per l’advocacy sul cambiamento climatico e la leadership Exchange.

Le Scuole di leadership sul cambiamento climatico creano un nuovo genere di leader che è consapevole a livello ambientale e contribuisce inoltre allo sviluppo dell’economia locale.

Merling Preza, vice presidente del consiglio di amministrazione della CLAC

Covid-19 non ha interrotto queste attività. Durante il 2020, l’accademia si è spostata online. Per esempio, in Ecuador la formazione è stata offerta attraverso una piattaforma di formazione dove i produttori potevano esplorare differenti argomenti facendo esercizi pratici sulla leadership, l’advocacy e il cambiamento climatico.
“Sono stata formata come leader per affrontare il cambiamento climatico, un problema molto importante per noi. Abbiamo anche imparato l’importanza della leadership nei nostri network, nellle nostre organizzazioni e, come giovani, ci siamo impegnati ad affrontare le nuove sfide, prendendoci cura dell’ambiente” dice Irene Huarachi Arcayne, produttrice di Anapqui e rappresentante dei giovani nel Quinoa Network, in Bolivia.

Produttori da tutto l’Ecuador partecipano online all’Accademia Fairtrade sul clima della CLAC

2. Il potere dei cambiamenti quotidiani

Come ha sottolineato Mary Kinyua, direttrice del board di Fairtrade Africa durante il Summit sul clima del 2020, i produttori hanno un ruolo importante nel mitigare gli effetti del cambiamento climatico scegliendo strumenti amici dell’ambiente e passando a un basso livello di produzione di carbonio. Ma è cruciale che siano supportati quando si tratta di parlare dei costi di questo passaggio: non sarebbe giusto aspettarsi che i produttori si facciano carico di tutti i costi, quando spesso non riescono a guadagnare un reddito e un salario dignitosi.
Questo si applica anche alle attività quotidiane delle loro comunità e a come noi possiamo supportarli. All’interno del progetto sui Crediti di carbonio con Gold Standard, per esempio, in Burkina Faso, 180.000 famiglie ora utilizzano le stufe per cucinare. Questo ha avuto un impatto positivo sulla vita di 190.000 persone e ha ridotto la CO2. Scopri di più su progetti analoghi. Per esempio, su come i produttori di caffè del Kenya hanno scelto risorse energetiche compatibili a livello ambientale per la loro vita quotidiana.

I danni in Honduras dopo il passaggio di Eta e Iota. ©Sean Hawkey

3. Un fondo per le evenienze climatiche e gli eventi catastrofici

L’anno scorso, oltre a Covid-19, le organizzazioni di piccoli produttori in America Latina e nei Caraibi hanno affrontato due uragani: Iota ed Eta. Entrambi hanno lasciato danni rilevanti nei paesi che già avevano affrontato gli effetti di siccità e piogge torrenziali in diversi momenti dell’anno.
Per il futuro, il cambiamento climatico potrebbe significare sblazi imprrovisi di temperatura, alluvioni e fenomeni estremi che colpiscono la produttività delle colture e le pratiche agricole.
Li stiamo affrontando dotando i produttori di fondi per affrontare queste calamità


Considerata la pandemia, potremmo essere tentati nel mettere da parte problemi come ambiente e cambiamento climatico. Tuttavia è cruciale mantenere alta la priorità e considerare l’impatto che stiamo avendo. L’intensità crescente e la frequenza della maggior parte degli eventi climatici sottolinea l’imperativo di mettere in relazione l’azione per il clima con i diritti umani e la giustizia nel commercio. E tutti abbiamo un ruolo da giocare.

Ambiente: Le ultime news