Riforestare in Indonesia ai tempi di Covid-19

Dopo la sfida della pandemia da Covid-19, è iniziato il conto alla rovescia  per quella sulla crisi climatica. Gli incendi in California hanno provocato più morti e distruzioni nella prima parte dell’anno che in tutto il 2019; quelli in Australia hanno bruciato più di 10 milioni di ettari, andando a colpire milioni di persone e uccidendo un miliardo di animali. Ed è doloroso constatare che alcune delle specie e degli ecosistemi non potranno più essere ricostituiti. Allo stesso tempo, piogge torrenziali nel Sudest del Brasile, in Rwanda, India, Pakistan, Indonesia e in molti altri Paesi hanno provocato l’evacuazione di milioni di persone e danneggiato migliaia di ettari di terre coltivate.

Membri della cooperativa Kokowagayo con gli studenti della scuola di Alfaith Boarding.
Membri della cooperativa Kokowagayo con gli studenti della scuola di Alfaith Boarding. ©Koperasi Kopi Wanita Gayo

Da gennaio di quest’anno, forti piogge e inondazioni continuano a colpire l’Indonesia. Nella provincia di Aceh, dal 26 luglio le inondazioni hanno coinvolto più di 15 mila persone e distrutto 3000 case. Anche se il paese è abituato alle inondazioni e alle frane durante la stagione delle piogge, la situazione è resa più drammatica dalla deforestazione perché gli alberi fungono da contenimento e  le loro radici arginano l’erosione del terreno. Per questa regione, la riforestazione diventa una priorità  per ristabilire l’equilibrio della natura e per creare le giuste condizioni di vita .

Le socie di Kokowahayo con le ragazze del progetto “Save the earth, one person, one tree”. ©Koperasi Kopy Wanita Gayo


Le socie di Kokowagayo, la prima cooperativa di sole donne in Indonesia, hanno recentemente preso l’iniziativa per realizzare un Programma di protezione ambientale “Save the earth- one person, one tree” (Salva la terra – una persona, un albero). Il programma è nato da una iniziativa con gli studenti di 04 Agri – business (che avevano fornito servizi progfessionali alla cooperativa per circa un mese) insieme alla facoltà di agricoltura dell’Università di Unsyiah Banda Aceh in Indonesia. 15 donne e 10 uomini si sono ritrovati come volontari per questo obiettivo e ciascuno ha piantato un albero (le specie scelte eranoavocado, durione, mogano). Gli alberi sono stati piantati lungo la strada che porta alla meravigliosa cascata di Wonosari, il villaggio dove vivono la maggior parte dei soci di Kokowagayo. Sono stati piantati circa 50 alberi attorno alla cascata e la cooperativa conta di organizzare ogni mese l’attività e di piantare più alberi, arrivando fino a 1000.

“L’acqua è la fonte di vita di tutti gli esseri viventi. Abbiamo 119 soci nel villaggio di Wonosari e hanno bisogno di acqua pulita. Durante la stagione delle piogge, come adesso, molte aree sono state colpite da inondazioni e frane, inclusa l’area della cascata. Durante Covid-19 non potevamo svolgere molte attività e quindi abbiamo pensato: perché non iniziare da qui, da un’iniziativa che preservi la cascata? Un semplice gesto come piantare un albero può creare un grande impatto per conservare a lungo termine il nostro ambiente,

Sewi Wahyuni, socia di Koperasi Kopy Wanita Gayo

I volontari anno portato anche 100 alberi alla scuola “Alfaith Boarding” dove studia la maggioranza dei figli dei soci. È stata anche la prima scuola a implementare i protocolli sanitari nel distretto di Bener Meriah durante la pandemia.

Una ragazza mentre sta piantando un albero nell'ambito del progetto "Save the planet"
Una ragazza mentre sta piantando un albero nell’ambito del progetto “save the planet, one person, one tree”. ©Koperasi Kopi Wanita Gayo

Il 2020 è stato un anno in cui c’è stato il risveglio di una consapevolezza collettiva non soltanto per assicurare la salute e la sussistenza a livello alimentare ma anche per raggiungere la sostenibilità ambientale. Kokowagay ci ha fatto capire che, se certamente il lock down ci ha limitato nei viaggi e nel lavoro, ha fatto in modo che  le persone, le famiglie e le comunità possano dedicare il loro tempo a preservare la biodiversità. E’arrivato il tempo in cui ognuno deve fare la propria parte per proteggere l’ambiente per un futuro sostenibile. La catena dei disastri ambientali del 2020 causati dal cambiamento climatico a opera dell’uomo ci ha fatto capire che è importante cominciare a preservare e a promuovere la crescita del nostro ecosistema nativo e nel fare questo ciascun piccolo sforzo e ciascun albero piantato fa la differenza per la rigenerazione della natura e per prevenire, per quanto possibile, i disastri ambientali.

Ambiente: Le ultime news

  • Montero, Piura, Peru. Progetto di riforestazione presso la cooperativa Norandino. ©Eduardo Martino
    Covid-19 e cambiamento climatico: due emergenze in Sudamerica
    Scopri di più
  • Selezione dei chicchi di caffè verde
    Cucine migliorate e crediti di carbonio per gli agricoltori etiopi
    Scopri di più
  • I campi di canna da zucchero allagati a causa delle recente alluvione
    Il cambiamento climatico colpisce il Belize
    Scopri di più