Fairtrade in supporto ai piccoli agricoltori bio in Sri Lanka

Bernard Ranaweera, Presidente di SOFA – Small Organic Farmers Association, in Sri Lanka, descrive come l’organizzazione ha affrontato in questi mesi l’emergenza COVID-19, tra aiuti alle famiglie e sostegno alla produzione.

La nostra organizzazione è certificata Fairtrade da oltre 21 anni. Collaboriamo con più di 3.700 famiglie di agricoltori e offriamo loro supporto per la coltivazione di prodotti come , spezie, cocco, ecc. secondo gli standard di Fairtrade e del biologico.

Soci di SOFA conferiscono il loro tè all’associazione.

Abbiamo iniziato a ricevere informazioni su COVID-19 dai media già a gennaio 2020. Dopo la segnalazione del primo caso di contagio, il 20 marzo il governo ha imposto il coprifuoco a livello nazionale, con l’eccezione delle attività agricole. Le autorità sanitarie hanno invitato tutti i cittadini a rimanere in casa e fare così la propria parte per contribuire al controllo del contagio.

La nostra organizzazione, composta esclusivamente da piccoli produttori, ha subito compreso la gravità della situazione e discusso internamente su come continuare le attività pur rispettando tutte le restrizioni e le regole imposte dal governo e dalle autorità sanitarie.

Qualche anno fa abbiamo creato un fondo per le emergenze da utilizzare a supporto dei nostri soci agricoltori in caso di crisi. E così, mentre continuiamo con le nostre attività agricole, abbiamo individuato cinque priorità su cui investire questo fondo, per aiutare lo staff della cooperativa e i nostri agricoltori nella situazione attuale:

1. Entrate aggiuntive per le donne

Abbiamo dato la possibilità alle donne della nostra organizzazione di confezionare delle mascherine riutilizzabili, fatte con cotone biologico.

Alcune donne coinvolte nel progetto di confezionamento di mascherine.

La priorità è stata data alle socie che avevano precedentemente avviato i propri progetti di lavoro autonomo come la produzione di abiti sotto l’assistenza e il supporto di SOFA. Anche altre donne che avevano le competenze richieste sono state invitate a prendere parte all’iniziativa. Le mascherine sono state acquistate da SOFA e distribuite ai nostri agricoltori e alle loro famiglie.

2. Stabilità economica

Dal momento che il governo permette agli agricoltori di continuare le loro attività, la nostra organizzazione continua ad acquistare il tè verde biologico raccolto dai soci e lo rivende a una fabbrica di tè convenzionale, ossia non biologica.

La raccolta del tè continua.

A causa della chiusura temporanea della nostra fabbrica Ethical Teas Pvt Ltd. dovuta all’attuale pandemia, ai nostri soci non viene pagato il prezzo previsto per il tè da agricoltura biologica che ricevevano prima dell’inizio del COVID 19, più alto rispetto al prezzo del tè convenzionale.
Per arginare queste perdite economiche, SOFA si è impegnata a pagare la differenza di prezzo.

Sacchi di tè pronti per la vendita.

Nella regione di Matale, la maggior parte dei nostri coltivatori di spezie non ha avuto problemi finanziari poiché è riuscita a vendere il prodotto prima della diffusione della pandemia. Tuttavia, due gruppi di essi hanno avuto difficoltà a vendere i loro prodotti durante il periodo del lockdown, pertanto abbiamo fornito loro cibo e beni di prima necessità.

3. Salute e sicurezza

Lo staff e tutti i membri dell’associazione hanno ricevuto le mascherine riutilizzabili confezionate dalle donne produttrici, oltre a un’adeguata informazione e a opuscoli con le regole per una corretta prevenzione mentre svolgono il loro lavoro (rispettare rigorosamente il distanziamento sociale e utilizzare le postazioni per la sanificazione nei loro centri di raccolta).
Ove necessario abbiamo anche distribuito farmaci di base.

Una famiglia indossa le mascherine confezionate dalle socie produttrici.
Una famiglia indossa le mascherine confezionate dalle socie produttrici.

4. Distribuzione di cibo e medicine

Abbiamo fornito cibo, medicine e beni di prima necessità ai membri delle comunità che vivono in aree rurali lontane dai centri principali.

Distribuzione di cibo e beni di prima necessità a chi vive in zone remote.
Distribuzione di cibo e beni di prima necessità a chi vive in zone remote.

Abbiamo anche incoraggiato i soci a coltivare verdura e ortaggi per il proprio consumo fornendo loro semi e materiali necessari. Al momento però, a causa di alcune difficoltà  come la carenza di semi e l’impossibilità di recarci in zone a rischio di contagio da COVID19, abbiamo messo in stand by questo programma.

5. Progetti in favore dei bambini

I bambini sono stati costretti a rimanere a lungo a casa per via del lockdown imposto dal governo.
Per minimizzare lo stress causato dall’isolamento forzato, SOFA ha ideato alcune iniziative:

  • un concorso di disegno per bambini di età inferiore a 10 anni sul tema del COVID-19 a cui hanno partecipato 134 studenti delle regioni di Gampola e di Matale. I 18 vincitori, designati da un insegnante di arte, hanno ricevuto dei premi;
La scelta dei vincitori del concorso di disegno.
  • distribuzione di materiale scolastico: grazie ai fondi del Premio Fairtrade, SOFA ha potuto distribuire ai figli dei soci in preparazione degli esami di ingresso all’Università libri e materiali di supporto per ridurre al minimo le spese sostenute dalle loro famiglie. L’organizzazione ha avviato questo programma dal 1999 e 937 studenti hanno ricevuto finora un aiuto economico.
Distribuzione degli articoli di cancelleria.

In più, tutti i bambini che vivono nelle zone rurali in cui è presente l’associazione (sia i figli dei soci sia i figli di chi non è membro di SOFA) hanno ricevuto articoli di cancelleria necessari alle loro attività didattiche.

Alcuni alunni mostrano i materiali ricevuti.
Alcuni alunni mostrano i materiali ricevuti.

In Sri Lanka l’istruzione è obbligatoria e gratuita. Tuttavia abbiamo notato che alcuni produttori vivono in aree in cui non sono presenti scuole materne ed elementari e questo li costringe a iscrivere i loro figli in strutture scolastiche che si trovano a parecchi chilometri di distanza dai loro villaggi.

Questo comporta un ulteriore onere per le famiglie, come ad esempio le spese per scuolabus e altri mezzi di trasporto, ma anche una fonte di preoccupazione per la sicurezza dei propri figli.

Abbiamo quindi voluto rispondere alle esigenze di questi soci costruendo tre scuole primarie, grazie ai fondi del Premio Fairtrade. Tutte e tre le scuole sono accessibili non solo ai figli dei soci di SOFA ma anche ai bambini dei villaggi circostanti.

Una delle scuole interessate dal progetto.

Infine, SOFA ha contribuito all’organizzazione di cerimonie annuali di altre scuole materne situate in alcune aree della regione. Per contribuire ulteriormente alla formazione dei nostri bambini, abbiamo creato una biblioteca per bambini nella regione centrale e fornito strumenti musicali ai bambini di fascia prescolare.

di Bernard Ranaweera, Presidente di SOFA – Small Organic Farmers Association. Traduzione e adattamento a cura dell’Ufficio comunicazione Fairtrade Italia

Covid-19: Le ultime news

  • Un protocollo anticovid per l’ananas del Costa Rica
    Scopri di più
  • Cooperativa Agraria Cafetalera Valle de Incahuasi, Peru
    Essere cooperativa significa reinventarsi
    Scopri di più
  • Campagna di assistenza medica presso i lavoratori di Banelino
    Banelino guida la campagna di prevenzione a COVID-19 in Repubblica Dominicana
    Scopri di più