Più tè Fairtrade per combattere la povertà in Assam

10 luglio 2018

Noi tutti amiamo bere una tazza di tè ma ci siamo mai soffermati sull’origine della nostra bevanda preferita?

Prestate attenzione alla confezione la prossima volta che vi preparate un tè e potreste trovare il nome Assam, una remota regione del nord dell’India.

In Assam, la maggior parte del tè è prodotto in estese piantagioni o in terreni ed è raccolto da lavoratori salariati. Cresce inoltre in piccoli appezzamenti di terra di proprietà di contadini che vendono le loro foglie fresche di tè verde alle piantagioni o alle fabbriche del tè che le trasformano in tè nero. Il tè dell’Assam è apprezzato per il suo sapore intenso e questo è il motivo per cui molte delle più importanti marche di tè inglesi lo usano nelle loro miscele.

È tuttavia vitale prendersi del tempo per esaminare le cause di questi problemi. Se noi non capiamo perché queste sfide sono presenti, possiamo solo sperare di appiccicarci un cerotto sopra senza provocare realmente un impatto a lungo termine.

L’analisi di Fairtrade: il prezzo

Per fare questo, Fairtrade ha lavorato con Lab, un progetto di ILO (l’Organizzazione internazionale del lavoro ndr) e persone chiave dell’industria del tè. Abbiamo guardato il contesto in cui le piantagioni si trovano a lavorare e i problemi che devono affrontare e nello stesso tempo il ruolo che stanno giocando lo Stato e i governi nazionali. I problemi includono il prezzo troppo basso che viene pagato per il tè sia nei mercati nazionali che internazionali. Il tè dall’India non va solo in Inghilterra: la maggior parte viene venduto nel mercato interno e gran parte dei volumi è venduto a paesi come la Russia. Senza prezzi equi nel mercato, i soldi per migliorare gli stipendi e le condizioni dei lavoratori e dei produttori non sono sufficienti.

Il ruolo dello Stato

Le leggi locali, incluso il Trattato sul lavoro nelle piantagioni e la legislazione sul salario, sono estremamente importanti se vogliamo cambiare in meglio la vita dei lavoratori delle piantagioni. Un contesto legislativo più adeguato, potrebbe aiutare a introdurre un salario più alto e condizioni di vita migliori in tutte le piantagioni, non solo quelle che forniscono il mercato inglese. Una riforma delle leggi del salario e delle condizioni di vita dei lavoratori è fortemente dibattuta tra le piantagioni, le associazioni delle aziende, il governo e le organizzazione della società civile. Tristemente, mentre questo dibattito continua, il salario e le situazioni continuano a rimanere gli stessi. Diamo il benvenuto ai commenti dall’Assam del ministro per il lavoro, Pallab Lochan Das, che ha detto che lo stato vuole fare di più per combattere gli abusi sul lavoro nelle piantagioni di tè, monitorando le condizioni nei campi e assicurando che i lavoratori delle piantagioni siano pagati un salario minimo fisso. Fairtrade non vede l’ora di esplorare tutte le opportunità di impegnarsi insieme alle autorità locali rispetto al problema dei salari e delle condizioni di lavoro per raggiungere il cambiamento necessario.

 

Il pilastro del Prezzo Minimo

Il Prezzo minimo Fairtrade ha stabilito un riferimento a livello globale per molti anni e ha protetto i produttori dai peggiori effetti della volatilità dei prezzi.

Fairtrade pensa che il salario dignitoso sia vitale per raggiungere condizioni di vita decenti. Attraverso i prodotti con il marchio Fairtrade, stiamo cercando di spostarci dal salario minimo al salario dignitoso il più presto possibile. Se vogliamo che i lavoratori e i contadini migliorino le loro entrate e i loro stipendi in modo da non andare fuori mercato, ognuno degli attori – impiegati delle piantagioni, sindacati, compratori, supermercati e acquirenti – deve fare uno sforzo congiunto. Fairtrade sta mettendo insieme questi gruppi di interesse proprio per questo.

Un lavoro pluriennale

Abbiamo cominciato a lavorare in Assam più di vent’anni fa. Le piantagioni Fairtrade in Assam vendono una piccola percentuale del loro tè a condizioni Fairtrade. Ci sono più di 800 piantagioni di tè nella regione di cui 10 certificate Fairtrade e alcune di queste vendono appena il 2-5% a condizioni Fairtrade. Questo significa che i benefici finanziari portati dalle vendite Fairtrade, attraverso il Prezzo Minimo e il Premio, non hanno un impatto rilevante come vorremmo. Ma anche con vendite minime, siamo ancora noi a fare la differenza.

In Assam, il Premio Fairtrade ha generato vendite che hanno beneficiato aree chiave come:

  1. Servizi sanitari: miglioramenti igienici, zanzariere, fornitura di acqua pulita, aggiornamento del materiale medico.
  2. Educazione: pagamento delle tasse scolastiche, miglioramento dei servizi scolastici e stipendi per gli insegnanti
  3. Case e infrastrutture per la comunità: ristrutturazione delle case, miglioramento della luce e della pavimentazione.

Sappiamo che la certificazione non è abbastanza, abbiamo bisogno di soluzioni. Non è bene soltanto identificare un problema, abbiamo bisogno di azioni per superarlo. Fairtrade lo fa in due modi: chiediamo di rispettare gli standard Fairtrade e di usare la nostra esperienza sul campo per aiutare i produttori ad ottemperare agli standard e a riguadagnare la conformità qualora dovessero perderla.

Inoltre, lavoriamo con le aziende a programmi su misura per affrontare problemi irrisolvibili.

Il problema dell’accesso al credito

Il debito da lavoro, lo strozzinaggio e la schiavitù a causa dei debiti sono problemi troppo comuni per le persone in molte nazioni in via di sviluppo. Uno dei benefici di Fairtrade è stato che i produttori hanno spesso fatto formazione su questo problema ai gruppi delle loro stesse comunità e organizzato strumenti di accesso al credito a tassi agevolati.

Dal momento che siamo responsabili nei confronti dei lavoratori delle piantagioni certificate Fairtrade, vogliamo darci un’ultima possibilità e quest’anno stiamo lavorando allo sviluppo di una strategia ambiziosa. Cercheremo di rafforzare i nostri standard per le piantagioni in Assam. Gli Standard Fairtrade comprendono requisiti minimi sociali, economici e ambientali che i produttori devono rispettare per essere certificati, più requisiti di progresso che incoraggiano il continuo miglioramento delle organizzazioni dei contadini o la situazione dei raccoglitori. Siamo già forti, ma abbiamo bisogno di alzare il tiro ancora. Le vendite a condizioni Fairtrade sono essenziali per sviluppare cambiamento. Ciascuna tazza di tè che voi acquistate ha un impatto positivo sui contadini e sui lavoratori che lo coltivano. Abbiamo bisogno di più consumatori che chiedano più tè Fairtrade per assicurare migliori benefici finanziari che ricadano a cascata sulle persone che ne hanno bisogno.

Un Programma per l’Assam

Le sfide affrontate in Assam non possono essere vinte soltanto attraverso gli standard e le vendite. Le cause profonde sono così complesse che il modo in cui abbiamo agito storicamente non ci ha portato abbastanza lontano. Dobbiamo sviluppare un programma pluriennale, lavorando direttamente con lavoratori delle piantagioni e dirigenti per migliorare la produttività come le condizioni di vita dei lavoratori. Non è facile risolvere i problemi in Assam. Ma Fairtrade è nato proprio per contrastare problemi di questo genere e per utilizzare il commercio per andare oltre la povertà, la disuguaglianza e le difficoltà economiche. Di sicuro, Fairtrade non può farlo da solo. Abbiamo bisogno che tutti i portatori di interesse coinvolti nella produzione di tè dell’Assam facciano parte della nostra strategia, inclusi i marchi del tè e i governi, per cambiare la vita delle persone che vivono e lavorano nelle piantagioni di tè.

di Emma Mullins, Fairtrade Tea Supply Chain Manager Fairtrade Foundation (traduzione Ufficio comunicazione Fairtrade Italia)