Un centro diagnostico a Urabá, Colombia

Sedici aziende Fairtrade che producono banane in Colombia hanno unito le loro forze per creare un Centro diagnostico per il COVID-19 nella regione di Uraba dove vivono circa 700.000 persone in 11 municipalità in cui la produzione di banane è l’attività principale. Attualmente, i risultati dei testi a cui si sono sottoposte le persone potenzialmente contagiate impiegano 4 o 5 giorni ad arrivare perché i campioni sono inviati ai laboratori di Medellin, il capoluogo, che dista 500 chilometri da Urabá. Da quando sono stati sospesi i voli nel paese, i campioni ci mettono 8 ore per essere trasportati via terra da Urabá a Medellin. “Questa iniziativa è molto importante perché avere i risultati dei test in modo più veloce può aiutarci a individuare i casi nella regione e a limitare la diffusione del virus in modo che le persone possano essere isolate e protette” spiega Carlos Trujillo, manager della piantagione Grupo Agrosiete collegata all’azienda Sin Limite.

Una lavoratrice negli impianti di lavorazione delle banane a Urabá mostra le dotazioni sanitarie fornite dall’azienda.

Le 16 aziende Fairtrade che esportano le banane attraverso Uniban hanno contribuito economicamente attraverso il fondo del Premio Fairtrade di 55 mila euro che rappresenta il 27 per cento dei costi totali del progetto, stimato in 205.000 dollari. Il Comitato per le imprese dello Stato dell’Università sta promuovendo l’iniziativa per creare il centro diagnostico a Urabá. È formato da più di 200 istituzioni, comprese le aziende del settore delle banane, la diocesi di Apartado, le 11 municipalità, l’Istituto colombiano di medicina tropicale. Attualmente, il Comitato continua a raccogliere fondi per il progetto che si spera possa partire nelle prossime settimane. Le organizzazioni Fairtrade che stanno partecipando al progetto sono Funtrajusto e i suoi soci.

Trujillo dice che, oltre a supportare questa iniziativa, le aziende che commercializzano banane hanno sovvenzionato le apparecchiature per le unità di terapia intensiva e acquistato i respiratori per le cliniche della regione. Inoltre, hanno donato banane, ananas e cibo alle persone che non hanno ricevuto lo stipendio nelle settimane scorse.
Le aziende hanno preso misure preventive per proteggere i lavoratori: mascherine, stop alle produzioni ogni due ore per consentire ai lavoratori di lavarsi le mani, misurazione della temperatura; hanno dato disposizioni per il distanziamento di 2 metri, hanno fornito i mezzi di trasporto dalle abitazioni agli impianti con le opportune barriere di distanziamento, hanno impostato i turni per il pranzo per evitare il sovraffollamento e hanno consegnato allo staff sapone, gel antibatterico e attrezzature igienizzate.

Distanziamento e dispositivi di protezione.

Il nostro staff è molto importante e sono importanti tutte le misure che possiamo prendere per proteggerlo” dice Trujillo, sottolineando come la certificazione Fairtrade ha aiutato i lavoratori delle piantagioni a essere meglio preparati ad affrontare questa crisi. “Attraverso la certificazione, i nostri lavoratori sono diventati più consapevoli perché hanno ricevuto più formazione e quindi sono più preparati e hanno ricevuto più informazioni per affrontare questa sfida, ha dichiarato Trujillo la cui azienda è certificata dal 2007. Non solo i lavoratori ma anche le loro famiglie perché attraverso Fairtrade abbiamo svolto una serie di incontri di formazione migliori rispetto a quelli che vengono normalmente svolti dalle aziende e che hanno coinvolto anche i loro nuclei familiari”.
 
 

Covid-19: Le ultime news

  • Asilo aziendale all'interno di Harvest Limited Athi River farm, in Kenya. Ora la struttura è chiusa
    Tempi difficili per le coltivatrici di rose e per i loro figli
    Scopri di più
  • Cartelli di segnalazione dei protocolli di sicurezza alla cooperativa Coopavre
    Fondo di emergenza Covid-19: si implementano i protocolli di sicurezza
    Scopri di più
  • Un protocollo anticovid per l’ananas del Costa Rica
    Scopri di più