Covid-19: si intensifica il supporto di Fairtrade

Che cosa significa per i produttori Fairtrade lavorare ai tempi di COVID-19? Che conseguenze stanno avendo le misure di contenimento e di prevenzione messe in atto da quasi tutti i Paesi del mondo sulle filiere alimentari che provengono dai Paesi in via di sviluppo? E la chiusura delle frontiere?
Accanto ai piccoli produttori e ai lavoratori di Asia, Africa e Centro Sud America stanno lavorando i Network di Fairtrade, molti attraverso lo smart working, altri ancora sul campo per dare informazioni e fare formazione. Ma non soltanto: le stesse organizzazioni dei produttori si stanno attivando per prestare soccorso ai più deboli nelle comunità, per fornire cibo, aiuti, prodotti per la disinfezione e sanificazione.

In Asia

La maggior parte dei produttori ha preso in mano la situazione e sta conducendo programmi di informazione sul COVID-19 tra i contadini e lavoratori. Molte organizzazioni di piccoli produttori stanno usando i soldi del Premio per fornire prodotti sanitari e supporti di vario genere. Ci sono alcuni produttori di palloni che hanno convertito la produzione in mascherine e le stanno distribuendo ai soci e alla comunità. La maggior parte dei Paesi ha chiuso le frontiere. La Napp, il Coordinamento dei produttori del continente, sta supportando le organizzazioni e le imprese in questo enorme lavoro di adattamento.

Formazione: come ci si lava le mani in una piantagione di tè ai tempi di COVID-19


Per quanto riguarda i principali prodotti Fairtrade che provengono dall’Asia:

  • : più di 7000 coltivatori di tè Fairtrade e 65.000 lavoratori delle piantagioni sono a rischio di contagio da COVID-19. I produttori hanno chiesto di utilizzare il Premio per campagne di formazione, per comprare mascherine e prodotti per l’igienizzazione o per distribuire cibo. In India le piantagioni sono chiuse fino al 14 aprile. Il governo coprirà il 40% dello stipendio dei lavoratori e le piantagioni dovranno pagare il resto. Il governo dell’Assam ha di recente emanato una direttiva al Dipartimento del lavoro per imporre a tutte le aziende pubbliche e private, incluse le piantagioni, di non concludere i contratti di lavoro, anche quello a termine, e di non ridurre il loro salario. Le piantagioni stanno facendo corsi di formazione sulle misure preventive per tutti i loro lavoratori e il management. In Sri Lanka il periodo di coprifuoco è iniziato il 24 marz e alle piantagioni è permesso di lavorare per un solo turno, dalle 7 alle 13. Il governo ha deciso di fornire ai lavoratori un pacchetto di razioni secche del valore di 3.000 rupie nel quadro di un programma speciale in cui i beneficiari sono tenuti a sostenere la metà dei costi. Probabilmente le piantagioni Fairtrade utilizzeranno il Premio per coprire l’importo.

Distanziamento sociale in una piantagione di tè dell’Assam

  • Riso: la stagione di raccolta si è chiusa positivamente sia in India che in Thailandia.
  • Cotone: il raccolto si è concluso a febbraio ma con la chiusura delle fabbriche di lavorazione, le vendite potrebbero risentirne.  Non essendo un bene di prima necessità, si prevede una diminuzione degli acquisti e un accumulo eccessivo di scorte che potrebbero portare a una diminuzione dell’intera catena di approvvigionamento. Conseguenze importanti anche in Bangladesh dove gli ordini sono stati sospesi o cancellati.
  • Caffè: le conseguenze sul mercato del caffè, uno dei prodotti più scambiati nel mondo, sono imprevedibili. Nella situazione attuale, è difficile raggiungere i produttori che vivono in zone molto remote dell’Indonesia e del Vietnam dove ancora rimane incerta la possibilità di trasportare il prodotto.

    Come si applicano le regole per la prevenzione al COVID-19 in una piantagione di tè dell’Assam

In Africa

Il team di Fairtrade Africa sta organizzando workshop su COVID-19 con i leader dei gruppi dei produttori per condividere materiale e informazioni che arrivano dai governi in modo che possano diffonderle tra le loro comunità. Si stanno attivando anche attraverso le stazioni radio per condividere messaggi e linee guida.

  • Africa Orientale: nella regione vige un coprifuoco dalle 18 alle 6 di mattina rendendo difficile la vita soprattutto nel contesto delle baraccopoli in cui non esiste acqua corrente e dove il governo sta supplendo attraverso la fornitura di materiale per l’igienizzazione. Il raccolto del caffè sarà in un momento successivo e per ora il prodotto non sta risentendo della situazione. Il tè ha risentito della chiusura della principale asta che provocherà un impatto sulle vendite oltre che sui salari e sugli indennizzi ai lavoratori. Il settore che sta risentendo di più delle cobseguenze del COVID-19 è quello dei fiori dove la produzione si è fermata e alcuni lavoratori sono stati licenziati.
  • Africa Occidentale: il cacao non è stato colpito dalle misure imposte dal COVID-19 ma potrebbero esserci delle difficoltà nelle esportazioni causate dalla chiusura delle frontiere. Campagne di educazione e informazione si stanno tenendo presso le piantagioni di banane anche per fornire dispositivi di protezione ai lavoratori per rispettare la distanza sociale e garantire la salute di tutti.

In America Latina

Il lavoro del Coordinamento dei produttori (CLAC) in Centro e Sud America si è focalizzato sulla diffusione delle misure preventive e delle raccomandazioni divulgate dai governi e dall’Organizzazione mondiale della sanità e sulla condivisione di buone pratiche.

Alcuni settori stanno ancora lavorando e le organizzazioni di piccoli produttori stanno implementando misure preventive per evitare la diffusione del COVID-19 e promuovendo il lavoro da casa per il personale amministrativo o riorganizzando gli spazi interni. Le misure di quarantena variano molto da Stato a Stato e la CLAC sta lavorando per cercare di armonizzarle, almeno sui luoghi di lavoro. Le organizzazioni dei piccoli produttori sono protagoniste nella diffusione delle informazioni e delle misure preventive ma anche nell’aiuto concreto alla popolazione, come nel caso dell’Ecuador. Mentre per quanto riguarda zucchero, cacao e caffè, la situazione non sta ancora risentendo dei blocchi nei trasporti, nel caso dei fiori, sempre in Ecuador la domanda è crollata e l’intero settore è in seria difficoltà.
 

Covid-19: Le ultime news

  • Ecco perché il fondo di soccorso Fairtrade fa la differenza
    Scopri di più
  • Covid-19 in Colombia
    Fondo di soccorso Covid: ecco come i produttori lo stanno utilizzando
    Scopri di più
  • E’ ancora emergenza Covid in Centro e Sudamerica: si aggiungono risorse per affrontarla
    Scopri di più