Cooperare per realizzare il cambiamento

Le cooperative giocano un ruolo importante affinché i contadini possano prendere in mano il loro futuro. Oggi, 4 luglio, Giornata internazionale delle cooperative, andiamo a vedere quanto importante è condividere le decisioni e la proprietà di una cooperativa.

Lavoratrici della fabbrica del cioccolato Xol, Haonduras, cooperativa Coagricsal
Rosa Maribel Cortes, Julibee Portillo, Alejandra Lemus, Julissa Medina e Sandra Buezo. Lavorano alla fabbrica del cioccolato Xol in Honduras. Xol chocolate è un marchio di Coagricsal, cooperativa certificata Fairtrade. ©Sean Hawkey – Fairtrade International

Condividere le decisioni e la proprietà sono principi centrali per le cooperative certificate Fairtrade. Tutti i membri esprimono il proprio parere e votano nei processi decisionali dell’organizzazione. I soci decidono collettivamente come usare il Premio Fairtrade – una somma fissa di denaro pagata oltre al prezzo di vendita che gli stessi agricoltori decidono come spendere. In questo modo i contadini possono investire in attività che vanno incontro ai loro bisogni e aumentare le loro entrate e la produttività. Uno studio sull’impatto di Fairtrade ha riscontrato che Fairtrade fa crescere il concetto di dignità, il senso di sicurezza e la capacità di scelta per i produttori e che l’attiva partecipazione dei contadini nei processi decisionali gioca un ruolo centrale . Inoltre ha dimostrato che Fairtrade sostiene i produttori nel raggiungere una maggiore stabilità, particolarmente in tempo di crisi.

Affrontare insieme le sfide

La cooperativa Coagricsal in Honduras è un ottimo esempio delle potenzialità dell’azione collettiva nel rispondere a una delle più grandi sfide che i contadini affrontano oggi: il cambiamento climatico. Insieme, la cooperativa e i suoi 2000 membri hanno piantato più di 1.5 milioni di alberi e stanno riportando in vita la produzione di cacao, in risposta alla siccità e alle malattie che stanno investendo il caffè.
Marlene Soriano, amministratrice della cooperativa, spiega che “i soci continuano a soffrire di enormi perdite nel caffè, a causa della ruggine rossa, le piogge irregolari, prolungati periodi di siccità, tutti problemi correlati al cambiamento climatico. Abbiamo capito che avevamo bisogno di diversificare per non dipendere solo dal caffè e il cacao può crescere in molti dei posti in cui il caffè è più colpito. Il cacao è più resistente ai cambiamenti climatici e i prezzi di mercato sono più stabili. Per i nostri contadini, il cacao rappresenta un futuro più sicuro rispetto al caffè e si adatta meglio al clima.
I membri della cooperativa hanno appoggiato il piano e hanno deciso di usare parte del Premio Fairtrade per acquistare vivai per piante di cacao di alta qualità. Nel corso degli ultimi 5 anni hanno piantato più di 1.2 milioni di alberi di cacao e 300.000 alberi per ombreggiarle.

Pari diritti per i soci, pari diritti per le donne

Ma l’intraprendenza della cooperativa non finisce qui. Oltre a diversificare, i soci hanno anche deciso di risalire la catena del valore e di iniziare a produrre una loro marca di cioccolato. All’inizio di quest’anno, hanno aperto la loro nuova fabbrica all’avanguardia, una delle più grandi in America Latina. È gestita interamente da giovani donne, un’indicazione dell’impegno della cooperativa sui temi dell’inclusione e della pari partecipazione.
Alejandra Lemus, di 24 anni, è responsabile della produzione nella fabbrica. “Questo tipo di lavoro è di solito gestito dagli uomini. Ma quando sono arrivata qui, ho visto che le donne sono molto valorizzate. Fairtrade promuove l’inclusione delle donne. Qui molte di loro ricoprono incarichi nell’amministrazione e intervengono nelle decisioni. Penso che nella società in cui viviamo non sia così facile raggiungere questo tipo di organizzazione”.

Julmy Portillo e Alejandra Lemus. della fabbrica Xol chocolate in Honduras
Julmy Portillo e Alejandra Lemus. della fabbrica Xol chocolate in Honduras. © Sean Hawkey – Fairtrade International

Il Premio Fairtrade genera cambiamento a livello globale

In tutto il mondo, le cooperative certificate Fairtrade stanno intraprendendo azioni collettive e utilizzando il Premio per investire nel loro business e per affrontare insieme le sfide. Preservazione della biodiversità nelle fragili paludi di Panama, corsi di formazione per l’assaggio e la tostatura del caffè nella prima cooperativa di sole donne in Indonesia e, più recentemente, azioni a supporto dei membri e dell’intera comunità durante la crisi da COVID-19, i progetti che intraprendono sono diversi come sono diverse le stesse cooperative.
Tornando a Coagricsal, il General manager Oscar Serrano è convinto che Fairtrade abbia giocato un ruolo fondamentale nel determinare il successo della cooperativa: “Siamo grati al sistema Fairtrade – senza, la nostra cooperativa non esisterebbe. Fairtrade è la vena che porta ossigeno a tutte le cooperative”.

Fairtrade: Le ultime news