San Valentino: i fiori Fairtrade siano sinonimo di parità di genere

Il giorno di San Valentino è il giorno dedicato all’amore, al romanticismo e a fragranti bouquet floreali ma anche alla parità di genere.

Caroline Shikuku lavora nelle serre di Tulaga Flowers (Kenya). Copyright Fairtrade Deutschland-Fairtrade Africa

Infatti, più della metà dei 73.000 lavoratori nelle aziende agricole certificate Fairtrade è donna.
Le serre di fiori Fairtrade offrono un’ancora di salvezza alle agricoltrici, dando loro un reddito essenziale, rendendo possibile alle loro famiglie di crescere e di aumentare la propria indipendenza. Secondo un recente report, le lavoratrici del settore dei fiori riescono meglio a gestire il denaro. Un terzo infatti gestisce le risorse della famiglia e il 38 per cento è responsabile unica della gestione. Al di là di questo, programmi specifici di Fairtrade coinvolgono le lavoratrici in corsi di formazione sulla leadership, aiutandole a perseguire i progetti per il futuro che sognano.

L’idea che Fairtrade sia come un tessuto connettivo tra il valore della giustizia sociale e l’azione sul campo è quella che ispira e guida Susan Limisi, coordinatrice per le politiche di genere per Fairtrade Africa, quando affronta queste tematiche in 33 paesi in Africa e Medio Oriente. Una specialista con esperienza sulle tematiche di genere con una preparazione in programmi, monitoraggio, valutazione e counselling psicologico.
Susan ha visto nella missione di Fairtrade l’opportunità di progredire nella parità di genere lungo la filiera agricola, lavorando direttamente con organizzazioni di produttori Fairtrade. “Per Fairtrade, la parità di genere non è un concetto teorico ma un principio e un valore di vita, spiega Susan. Stiamo lavorando per un mondo dove tutti i produttori possano raggiungere un livello di vita sicuro e sostenibile, soddisfacendo il loro potenziale e possano decidere del loro futuro indipendentemente dalla loro appartenenza di genere”.
Con circa 1 miliardo di steli di fiori venduti nel 2020 e più di 40 milioni di Premio Fairtrade generato per i lavoratori dal 2015, Susan Limisi è convinta che il settore dei fiori Fairtrade sia cruciale per raggiungere la parità di genere nella filiera agricola. La chiave, lei dice, è convincere sempre più persone del potere di Fairtrade.
Nel giorno di San Valentino – uno dei giorni più importanti per la vendita di rose Fairtrade – abbiamo bisogno di amplificare il messaggio che comprando i fiori Fairtrade non solo diamo al consumatore un prodotto di qualità ma abbiamo anche un impatto significativo sulle lavoratrici del settore. Deve essere comunicato in modo chiaro e forte in ogni negozio, in ogni strada”.
Abbiamo parlato con Susan Limisi prima di San Valentino per capire bene come il piccolo gesto di comprare fiori Fairtrade può avere un grande impatto nel costruire un mondo migliore per le agricoltrici.

Magazzino di lavorazione dei fiori a Karen Roses (Kenya). Copyright FairtradeI/Christop Köstlin

Prima di tutto, che cosa significa per te parità di genere e perché sei impegnata a raggiungerla?

Vedo l’uguaglianza di genere come una condizione in cui tutte le persone possono avere lo spazio di esistere, essere ascoltate, partecipare, nel senso pieno, senza barriere di sorta, reali o immaginarie, come i pregiudizi, le norme regressive, gli stereotipi e la discriminazione. Credo fermamente che una rappresentazione inclusiva attraverso le nostre attività sia fondamentale per raggiungere il progresso in senso pieno e lo sviluppo sostenibile. Il mio precedente lavoro in contesti dove la marginalizzazione è diffusa e i processi decisionali inclusivi sono assenti mi hanno dato lo slancio per collaborare con donne che sono rimaste indietro per eliminare le barriere che impediscono la parità di genere. Secondo la FAO, le donne sono una percentuale circa del 43% della forza lavoro in agricoltura nei Paesi produttori. Già le donne hanno meno accesso alle risorse come la terra, l’informazione, il credito e la formazione e sono spesso estromesse dai ruoli di leadership. Questo è il motivo per cui Fairtrade si dedica a lavorare con le organizzazioni di produttori per raggiungere la parità di genere.

Come sta lavorando Fairtrade verso un una società più giusta dal punto di vista della parità di genere?

Fairtrade promuove la parità di genere attraverso il nostro lavoro con le organizzazioni di produttori, in linea con la nostra Strategia 2021-2025 e in supporto al nostro contributo per il raggiungimento degli Obiettivi di sviluppo sostenibile. Siamo consapevoli e riteniamo strategico creare interventi volti a promuovere l’impegno attivo delle donne nelle organizzazioni di produttori che storicamente sono state spesso dominate dagli uomini. Stiamo lavorando verso un mondo dove tutti i contadini e i lavoratori possano godere di una vita sicura e sostenibile, nel pieno delle loro potenzialità, e possano decidere del loro futuro, indipendentemente dal fatto di essere uomini o donne.

Quali attività svolge Fairtrade per promuovere la parità di genere tra le organizzazioni di produttori?

Fairtrade lavora con le organizzazioni di produttori con diverse attività e programmi per progredire nei loro sforzi verso la parità di genere. Uno di questi programmi è la Scuola di leadership delle donne, inaugurata da Fairtrade Africa per costruire la leadership delle donne e le loro competenze imprenditoriali. Il primo programma si è svolto in Costa D’Avorio dove ha raggiunto più di 34.000 contadine solo nel 2019. Recentemente abbiamo inaugurato un percorso con le lavoratrici del settore del fiori in Etiopia e ora lo stiamo allargando anche alle serre del Kenya.
Attraverso questo programma, più donne stanno prendendo posizioni di leadership nella filiera agricola. Un esempio di questo è Addis Petros, che lavorava alla serra Sher in Etiopia fino al 2019. Come risultato delle competenze acquisite dalla scuola di leadership, ora lavora come contabile con la municipalità locale nella sua città natale e gestisce un’azienda avicola di successo.
A parte le scuole di leadership, l’istituzione e la formazione di Comitati di genere inclusivi nelle aziende floricole ha fornito un meccanismo per affrontare le questioni fondamentali di genere, come la violenza e le molestie. Fairtrade Africa ha anche supportato le serre nello sviluppo e nell’implementazione di politiche di genere. Oltre ad essere un requisito degli standard Fairtrade, una tale politica garantisce che l’uguaglianza di genere, l’inclusione diventino comportamenti acquisiti e che non siano tollerate discriminazioni nelle piantagioni di fiori.

Il tuo lavoro comprende un’ampia fascia di territorio, dal Sud Africa al Medio Oriente. Quali sono alcune delle sfide che devi mettere in conto?

Lavorare in un ambito così ampio comporta alcune sfide. Una sfida è quella delle diverse culture in diversi contesti. Capire queste culture è cruciale per il successo dei nostri programmi per l’uguaglianza di genere: devi avere il consenso di coloro che sono portatori dei diritti. Questo ti aiuta a essere certa che siano protagonisti del processo e che non siano fatti danni.
Un’altra sfida sono i diversi tipi di problemi di genere che affrontano differenti organizzazioni di produttori. Pertanto, il bisogno di cucire su misura programmi che rispondano alle necessità di specifiche organizzazioni di produttori.

Quali sono alcuni esempi che ti vengono in mente quando pensi ai successi che hai ottenuto per la parità di genere nel settore dei fiori?

Sono orgogliosa del fatto che abbiamo aiutato a istituire i comitati per la parità di genere nelle serre dei fiori. I comitati forniscono una piattaforma di formazione per le lavoratrici sui problemi di genere e un percorso per affrontare le sfide di genere prima di passare alla loro gestione.
Abbiamo anche visto molte organizzazioni di produttori aumentare la disponibilità a riconoscere il congedo di maternità e a stabilire opportunità di assistenza all’infanzia all’interno delle aziende agricole per le madri che allattano. Le donne hanno il tempo di allattare i loro bambini e possono tornare a lavorare senza perdere il proprio impiego.

Siamo vicini a San Valentino. Cosa vorresti dire ai consumatori su uno dei loro prodotti preferiti per questa ricorrenza?

Acquistare Fairtrade è un modo diretto con il quale i consumatori possono contribuire ad aumentare il potere delle donne agricoltrici e delle lavoratrici del settore agricolo nel mondo. Voglio spronare le persone che festeggiano San Valentino a cercare i fiori certificati Fairtrade. Non soltanto stanno portando gioia, amore e calore nelle loro case e tra le persone che amano ma aiutano le lavoratrici a mettere cibo sulle loro tavole, a mandare i figli a scuola e a migliorare le loro vite. In questo giorno, i fiori Fairtrade significano parità di genere.

Donne: Le ultime news