Un Dolcetto speciale che viene dall’Africa

In Togo, nella piccola comunità di Tsévie le speranze dei giovani per un futuro migliore passano dalla coltivazione di ananas. C’entra un progetto di cooperazione internazionale italiana.

Andrea Bertoldi, Brio spa

Per i soci della cooperativa di CPJPPAB (Cooperative Préfectoral de Jeunes Producteures Professionels d’Ananas Biologique), la coltivazione ananas è una tradizione che viene dal passato, tramandata di padre in figlio. In questa regione il 75% della popolazione lavora nelle campagne e il 30% vive sotto la soglia di povertà. Proprio qui nel 2012 si è insediata l’ong italiana Coopermondo che si occupa di cooperazione internazionale, iniziando a contribuire allo sviluppo della comunità locale partendo dai bisogni essenziali. 

Nel 2019 il progetto ha preso il volo sotto forma di una iniziativa commerciale di più ampio raggio. Con il supporto di Federcasse e di Brio, azienda specializzata nella commercializzazione di frutta biologica che ha finanziato il progetto di rafforzamento della filiera agro-industriale, e con il contributo di AICS – Agenzia Italiana per la Cooperazione allo Sviluppo, un sogno dei produttori è diventato realtà: trovare un mercato più ampio, ovvero quello italiano, per i loro prodotti. E questo attraverso un modello di sviluppo cooperativo, che potesse favorire la crescita di tutta l’area.

A CPJPPAB, l’area di produzione è di circa 500 ettari, e le tecniche di coltura sono di tipo tradizionale e biologiche, nel rispetto della biodiversità locale. Per la coltivazione non viene usata l’irrigazione artificiale.

Dal 2021 la cooperativa ha ricevuto anche la certificazione Fairtrade per il commercio equosolidale, e noi siamo orgogliosi del fatto che gli Standard Fairtrade contribuiranno alla crescita della comunità. Addirittura Brio si è impegnata a corrispondere un prezzo superiore del 25% rispetto a quello previsto dagli Standard Fairtrade, che sosterrà l’acquisto di strumentazione tecnica e mezzi per il trasporto, nonché l’allargamento della base dei soci produttori togolesi.

Marco Menni, Coopermondo

VERDE FUORI, BIANCO DENTRO: COMUNQUE DOLCISSIMO

Non bisogna farsi ingannare dal colore: verde fuori, e con una polpa bianca all’interno. L’ananas di CPJPPAB appartiene alla varietà locale “Pan di Zucchero”, che è praticamente sconosciuta dalle nostre parti. È leggermente più piccolo, ma molto più dolce rispetto agli ananas a cui siamo abituati, anche perché viene raccolto sulla pianta a completa maturazione. Una curiosità è il fatto che si mangia anche la parte centrale del frutto, che solitamente viene scartata.

Attraverso questo progetto si sostengono attività scolastiche per i bambini della comunità in cui Coopermondo ha lavorato fin dal suo arrivo in Togo, e iniziative di emancipazione femminile.

News: Le ultime news

  • FairData Partnership: tracciabilità e molto altro per i coltivatori di cacao
    Scopri di più
  • Fairtrade favorisce la sostenibilità delle organizzazioni
    Scopri di più
  • Incontriamoci al World of Coffee a Milano dal 23 al 25 giugno 2022o
    Fairtrade ti aspetta alla fiera World of Coffee di Milano, dal 23 al 25 giugno
    Scopri di più