12 Marzo 2020

Da una grave crisi a una storica opportunità: la cooperativa Coobana nasce negli anni ’90 dalla volontà dei lavoratori di una piantagione di banane proprietà di Chiquita di non perdere il proprio lavoro.

Siamo a Panama, nella provincia nordoccidentale di Bocas del Toro. Per più di un secolo in questa regione la coltivazione delle banane è stata monopolizzata dalle grandi multinazionali.

Quando negli anni ‘90 Panama ha subito un drammatico declino delle esportazioni, molte compagnie sono entrate in crisi e hanno cessato l’attività facendo perdere il lavoro a migliaia di persone.

È allora che alcuni ex dipendenti della Chiquita hanno l’idea di andare avanti e dare vita alla Cooperativa Bananera del Atlantico (conosciuta anche come Coobana).

Ecco il racconto di Florentina, una dei soci fondatori:

“Nel 1991 eravamo 74 lavoratori di una società di proprietà del governo che coltivava le piantagioni da decenni proprietà di Chiquita” racconta Chito Quintero, socio fondatore di Coobana e all’epoca sindacalista. “Eravamo noi che portavamo avanti l’attività, quindi perché non gestirla da soli? Non tutti volevano correre il rischio, ma un gruppo nutrito ha fondato Coobana”.

Grazie all’aiuto di Fairtrade e all’ingresso nel circuito del commercio equo e solidale, Coobana è riuscita a evitare la crisi e a crescere.

Oggi conta circa 500 lavoratori, di cui 220 sono soci della cooperativa.

VUOI SCOPRIRE IL MONDO DEL COMMERCIO EQUO E SOLIDALE?

Una volta al mese riceverai la nostra newsletter in cui ti racconteremo le storie dei nostri produttori.