I redditi dei coltivatori di cacao Fairtrade sono aumentati

Un nuovo studio ha dimostrato l’aumento delle entrate per le famiglie della Costa D’Avorio e una diminuzione della povertà.

Raccolta delle cabosse. ©Stanislav Komínek.

Lo studio, pubblicato da Fairtrade e disponibile qui, ha riscontrato che la media dal reddito familiare annuale di un contadino è cresciuta da 2670 dollari nel 2016/2017 a 4.937 dollari nel 2020/2021, un miglioramento dell’85% causato in parte  dall’aumentato incremento delle vendite di cacao e in parte dalla diversificazione delle entrate sia all’interno che all’esterno delle aziende agricole. Inoltre, un numero significativo di coltivatori ivoriani di cacao è uscito dalla povertà estrema con il 61% delle famiglie che sono al di sopra della soglia di povertà estrema contro il 42% secondo i dati raccolti nel 2016/17 e pubblicati nel 2018.
“Questo miglioramento del reddito familiare è una buona notizia per le famiglie dei contadini Fairtrade in questo periodo di sfide. Tuttavia, ancora troppe famiglie non stanno guadagnando un reddito dignitoso, ha spiegato Jon Walker, Senior advisor del cacao per Fairtrade. Con le continue pressioni sui prezzi , l’alta produzione nazionale e il crollo della domanda globale, i marchi e i rivenditori possono intervenire e fare ulteriori progressi sui redditi di sussistenza attraverso contratti a lungo termine, prezzi stabili e supporto a lungo termine incentrato sull’efficienza e la diversificazione delle aziende agricole. C’è ancora molto da fare”.

Fermentazione del cacao alla cooperativa Ecakog, in Costa D’Avorio. ©Stanislav Komínek.

Il cluster analizzato

Lo studio comparativo, condotto per conto di Fairtrade da Impact Institute, ha coinvolto 384 contadini da 16 cooperative certificate Fairtrade con l’obiettivo di misurare i miglioramenti e i cambiamenti colturali che sono intervenuti negli anni successivi al 2016/2017 nelle abitazioni, i campi e nei processi di diversificazione.
Dal canto suo, lo studio precedente pubblicato nel 2018 ha dato origine all’aumento del Prezzo Minimo Fairtrade per il cacao e del Premio del 20% per il cacao convenzionale da ottobre 2019. Fairtrade è l’unico schema di certificazione che rende obbligatorio un prezzo minimo che agisce come rete di salvataggio per gli agricoltori quando il prezzo di mercato crolla mentre permette di beneficiarne quando il prezzo cresce.

Essiccazione del cacao presso il centro di raccolta della cooperativa Ecakog (Costa D’Avorio). ©Stanislav Komínek

Il Prezzo di riferimento per il reddito dignitoso

Per misurare l’impatto della crescita del Prezzo Minimo Fairtrade è stata commissionata un’ulteriore analisi su 482 agricoltori in 20 cooperative nel 2020/2021. Secondo i risultati, se i contadini potessero guadagnare il Prezzo Minimo Fairtrade per tutti i volumi di cacao che vendono alla cooperativa la media dei redditi familiari crescerebbe del 9%. Allo stesso tempo, i dati modellano anche l’impatto sul reddito delle famiglie del Prezzo di riferimento Fairtrade per il reddito dignitoso (volontario) sulla produttività mediana registrata di 500 kg per ettaro rispetto alla produttività di 800 kg per ettaro stabilita dalla strategia Fairtrade per il reddito dignitoso. In entrambi gli scenari, quando la combinazione del Prezzo di riferimento per il reddito dignitoso e l’obiettivo di rendimento sono stati raggiunti, il reddito familiare è cresciuto con praticamente tutte le famiglie che sono riuscite a uscire dalla soglia della povertà estrema.

L’acqua potabile viene raccolta dal pozzo costruito grazie al Premio Fairtrade. ©Stanislav Komínek.

Guadagnare di più è cruciale

Fairtrade da sempre è stato uno strenuo difensore del reddito dignitoso per i contadini e i lavoratori agricoli nel mondo. Definito come un reddito sufficiente per permettersi uno standard essenziale di vita per tutti i membri della famiglia dopo aver coperto i costi di produzione (dieta equilibrata, acqua potabile, una casa decorosa, educazione, cure sanitarie e altri bisogni essenziali) Fairtrade crede che il reddito dignitoso sia cruciale per accedere a sistemi alimentari sostenibili che siano più puliti, più rispettosi dell’ambiente, più giusti e per continuare il percorso verso gli Obiettivi di sviluppo sostenibile.
“Gli studi ci stanno dimostrando che il Prezzo Minimo Fairtrade può agire come una rete di salvataggio nei momento di prezzi bassi e che i redditi dei contadini Fairtrade sono migliorati nel tempo, ha continuato Walker. I nostri progetti pilota per il reddito dignitoso dovrebbero iniziare a darci i primi risultati di monitoraggio all’inizio del 2022 fornendoci un altro ricco set di dati sull’impatto della combinazione di partnership a lungo termine tra i brand o i supermercati e i contadini sul prezzo, l’efficienza e la diversificazione. Non vediamo l’ora di vedere i risultati”.

Reddito dignitoso: Le ultime news