Il lavoro di Fairtrade ai tempi dell’inflazione

Con la crisi del costo della vita che non accenna ad arrestarsi, i lavoratori hanno più che mai bisogno di un salario minimo.

Lavoratore nella Coop. Banelino, Rep. Dominicana. Christian Nusch / Fairtrade Deutschland

In occasione della Giornata internazionale dei lavoratori, puntiamo i riflettori sulle sfide che i lavoratori devono affrontare, sui modi in cui Fairtrade li sostiene durante la crisi e sulle lacune che altri attori del commercio globale devono colmare.

In una piantagione di banane nella Repubblica Dominicana, due uomini discutono della loro paga mensile. Come i lavoratori di tutto il mondo, José e Ramón* sentono il peso di una crisi del costo della vita che ha visto l’inflazione intaccare i loro salari.

Ma potrebbe andare molto peggio. Mentre la Repubblica Dominicana ha registrato un’inflazione del 9% nel 2022, José e Ramón hanno ricevuto 600 dollari in più, perché lavorano in una piantagione di banane certificata Fairtrade. Il denaro aggiuntivo – all’incirca l’equivalente di due mesi di salario all’anno – è stato pagato attraverso il Premio Fairtrade, una somma extra guadagnata dai produttori agricoli che vendono a condizioni Fairtrade.

I lavoratori delle piantagioni Fairtrade possono scegliere di ricevere fino alla metà del Premio in contanti per sostenere il loro reddito: un’ancora di salvezza per i dipendenti che lavorano in uno dei settori più poveri.

“Il Premio Fairtrade riduce la pressione sui redditi disponibili”, spiega Wilbert Flinterman, consulente senior per i diritti dei lavoratori e le relazioni sindacali di Fairtrade International. “Gli standard Fairtrade prevedono che i lavoratori delle banane ricevano almeno il 30% del Premio in contanti, che può arrivare al 50% se lo desiderano. Questo fa davvero la differenza, soprattutto nei luoghi in cui i lavoratori guadagnano molto meno del salario dignitoso”.

Piantagione di tè United Nilgiri Tea Estates, India. © Fairtrade / Funnelweb Media

I salari non riescono a tenere il passo con l’inflazione

La crisi globale del costo della vita post-pandemia ha colto tutti di sorpresa, compresi noi. I dati raccolti da Fairtrade hanno rivelato che il costo della coltivazione e dell’esportazione delle banane è aumentato in modo significativo dal 2021: +70% per i fertilizzanti, +39% per il carburante e oltre il 20% per i pallet e gli imballaggi in plastica. Se si aggiunge la necessità di aumentare i salari – che rappresentano circa la metà del costo di un cartone di banane – sia i lavoratori che i produttori si trovano ad affrontare un futuro incerto.

L’aumento dell’inflazione rende difficile per i lavoratori vivere del proprio stipendio. Come minimo, i salari dovrebbero tenere il passo con l’inflazione, ma in molti settori non è così. Il mantenimento del valore reale dei salari è parte integrante del requisito del salario dignitoso previsto dallo Standard Fairtrade per il lavoro subordinato, perché senza di esso non possiamo fare progressi. Compensare i lavoratori per l’inflazione dovrebbe essere in cima ai pensieri di tutti quando pensiamo ai salari minimi”.

Sebbene il costo della vita sia aumentato considerevolmente in Repubblica Dominicana, i lavoratori Fairtrade di altri settori e Paesi devono affrontare sfide ancora più grandi. In Argentina, dove nove produttori di vino Fairtrade impiegano circa 1.200 lavoratori, un sondaggio della banca centrale prevede che l’inflazione raggiungerà il 110% quest’anno e la povertà è salita a quasi il 40%. “È estremamente difficile proteggere i lavoratori in questi contesti”, afferma Flinterman.

Vitigni nella coop. La Riojana, Argentina. © CLAC

Lo Sri Lanka vive una storia simile, dove circa 10.000 lavoratori sono impiegati nelle piantagioni di tè certificate Fairtrade. L’inflazione nel Paese ha raggiunto il 73% dal 2021 a oggi, compromettendo gravemente i salari dei lavoratori. Ma, avverte Flinterman, non tutto può essere imputato alla crisi economica globale. “I proprietari delle aziende che impiegano i lavoratori non possono sempre usare l’argomento che se pagano i lavoratori di più per tenere il passo con il costo della vita locale, il loro modello di business diventa impraticabile”, afferma. “Il lavoro dell’Anker Research Institute rivela che, sebbene il salario dignitoso in Sri Lanka sia aumentato del 60% tra la fine del 2021 e il 2022, il costo per pagare un salario di sussistenza è in realtà diminuito, se misurato in dollari USA, a causa del deprezzamento della valuta locale. A volte le aziende che operano in dollari traggono vantaggio dalla variazione dei tassi di cambio durante i periodi di inflazione. In questo modo, pagare i costi di produzione in valuta locale, compresi i salari, diventa più conveniente”.

Per monitorare e potenzialmente ridurre l’impatto della crisi del costo della vita per i lavoratori, Fairtrade ha recentemente rafforzato i requisiti standard in base ai quali le aziende devono dimostrare di aver adeguato i salari all’inflazione. Flinterman spiega: “Se permettiamo che il potere d’acquisto dei lavoratori diminuisca, il divario tra i loro salari attuali e i salari minimi aumenterà. Per questo motivo siamo piuttosto esigenti e ci aspettiamo che le aziende certificate affrontino questo aspetto come primo passo verso i salari dignitosi”.

Il Premio Fairtrade dà una spinta ai redditi disponibili

Per avere un impatto positivo sulla vita dei lavoratori, oltre a fornire denaro extra, il Premio Fairtrade può essere utilizzato anche per comprare cibo e altri prodotti nelle botteghe agricole, costruire e gestire scuole e centri sanitari, offrire borse di studio e materiale scolastico gratuito, fornire trasporti e prestiti senza interessi, tutte attività che altrimenti verrebbero prese dal salario dei lavoratori.

Nella Coop. ASOBACAS, Rep. Dominicana, il Premio è stato usato per l’acquisto di un bus per portare i bambini a scuola. © José García

Un recente rapporto di Fairtrade mostra che in Ghana i benefici in natura generati dal Premio Fairtrade equivalgono a una media di 75 dollari a lavoratore al mese. Il 66% dei lavoratori ha dichiarato di utilizzare i risparmi ottenuti semplicemente per sopravvivere, spendendoli per le spese di base, come il cibo e le bollette della casa. Come ha detto un lavoratore intervistato per il rapporto, “tutti i prezzi sono raddoppiati… ci sono alcuni articoli che semplicemente non possiamo più permetterci”.

Lo stesso studio suggerisce che in Colombia – un’altra importante filiera di banane Fairtrade – l’aumento del Premio vale più di 88 dollari a lavoratore al mese. Se si considera che il salario di riferimento per la Colombia è di 433 dollari al mese, si tratta di un contributo significativo. Il dipendente Osnaider Mercado Sandoval Suarez, che lavora in una piantagione certificata Fairtrade, ha dichiarato ai ricercatori: “Come lavoratori delle banane, non abbiamo la capacità economica di pagare certe spese, e quindi il Premio ci facilita”.

Nonostante il ruolo significativo del Premio Fairtrade nell’integrare i salari, Flinterman insiste sul fatto che la necessità di un salario dignitoso per i lavoratori è più urgente che mai. “I lavoratori delle aziende agricole, delle fabbriche e delle piantagioni sono tra le persone più vulnerabili del commercio globale”, afferma. Spesso non hanno contratti formali, rappresentanza sindacale e protezione di base per la salute e la sicurezza, e questo prima di arrivare alla questione dei salari bassi”. Naturalmente il Premio Fairtrade è un grande vantaggio per i redditi disponibili, soprattutto nel settore delle banane, ma non deve mai essere usato come scusa per non pagare salari adeguati”.

India, © Fabian Sturm

I parametri di riferimento per il salario dignitoso possono sostenere la contrattazione collettiva

I sindacati che hanno rapporti di contrattazione collettiva con le piantagioni Fairtrade possono trarre vantaggio dai parametri di riferimento per il salario dignitoso, che vengono adeguati ogni anno per tenere conto dell’inflazione. I parametri di riferimento per i settori agricoli, introdotti dall’Anker Research Institute in collaborazione con Fairtrade e la Global Living Wage Coalition, aiutano a determinare il divario tra i salari effettivi e quelli necessari per un salario di sussistenza in qualsiasi Paese o regione. I datori di lavoro e i sindacati possono utilizzarli come riferimento nelle trattative, anziché confrontare le proposte sindacali con i salari minimi.

Per avviare un processo di negoziazione, i sindacati devono organizzare i lavoratori di un’azienda. Quando si raggiunge il livello minimo di sostegno richiesto, scatta l’obbligo legale per l’azienda di contrattare. La certificazione Fairtrade può facilitare questo processo, in quanto le aziende certificate devono garantire ai sindacati l’accesso al cantiere, firmare un Protocollo di Libertà di Associazione e applicare una Garanzia di Diritto di Sindacalizzazione sul luogo di lavoro. “Se necessario, seguiremo le aziende per assicurarci che si ricordino dei loro impegni e siano consapevoli dei loro obblighi in materia di diritti sindacali”, afferma Flinterman. “L’invio di questo segnale può contribuire a ridurre le barriere che impediscono ai sindacati di raggiungere un maggior numero di lavoratori”.

Il crollo economico post-pandemia è servito solo a sottolineare l’urgente necessità di introdurre salari di sussistenza in diversi settori, e ci sono alcune buone notizie: in Ecuador e in Colombia i salari dei lavoratori delle banane si aggirano intorno ai livelli di un salario di sussistenza. In particolare nella regione colombiana di Urabá, che ospita il più grande gruppo di piantagioni Fairtrade del Paese, i salari ottenuti attraverso la contrattazione collettiva sono ancora migliori.

Anche in Ghana, le piantagioni di banane Fairtrade hanno un rapporto costruttivo con due sindacati nazionali e utilizzano parametri di riferimento per il salario dignitoso nel loro processo di contrattazione. In Etiopia, il salario minimo assoluto che Fairtrade richiede per i lavoratori dei fiori è stato adeguato alla fine del 2022 per stare in linea con l’aumento della soglia di povertà internazionale. Tuttavia, con l’inflazione che in Etiopia si aggira intorno al 35%, questo adeguamento comincerà rapidamente a perdere di efficacia.

Piantagione di banane ASOGUABO, Ecuador. © CLAC

I salari dignitosi non sono gratis

Quasi dieci anni fa abbiamo iniziato a sostenere la necessità di prezzi che contemplino i salari reali, ovvero che riflettano il vero costo di produzione senza danneggiare gli stessi lavoratori di cui Fairtrade sostiene i diritti, ad esempio rendendo il loro impiego meno sicuro. Fairtrade rimane l’unico schema di certificazione etica che richiede agli acquirenti di pagare un Prezzo Minimo per i prodotti certificati, sulla base di una valutazione dei costi di produzione e di un dialogo con i produttori e i compratori.

Nonostante i progressi compiuti, è chiaro che c’è ancora molto da fare prima che tutti i lavoratori delle piantagioni e delle aziende Fairtrade possano davvero pretendere di percepire un salario di sussistenza. “La crisi globale del costo della vita ha avuto un impatto negativo sia sui produttori che sui consumatori, rendendo la strada verso un salario di sussistenza molto più lunga”, afferma Flinterman. “Abbiamo fatto progressi in alcuni Paesi e in alcuni settori, ma l’alta inflazione in altri significa che i valori reali dei salari stanno di fatto retrocedendo”.

“Molte industrie – tra cui quelle che producono fiori, tè e tessuti – rimangono in vita solo grazie a pratiche di acquisto basate sul mantenimento di costi e salari bassi. Alcuni rivenditori al dettaglio chiedono ai produttori di pagare salari adeguati, ma si lamentano anche del fatto che i loro clienti non possono permettersi di pagare di più. È giusto cercare di proteggere i lavoratori delle catene di approvvigionamento globali dallo sfruttamento dei salari e non molleremo – ma alla fine qualcuno dovrà pagare il conto e dimostrare di voler lavorare serio rispettando i principi del commercio e dei diritti umani. “


*I nomi sono stati modificati

Fairtrade: Le ultime news

  • Per i coltivatori di cacao in Africa la formazione è cruciale. Tutti i dati nel nuovo rapporto WACP
    Per i coltivatori di cacao in Africa la formazione è cruciale. Tutti i dati nel nuovo rapporto WACP
    Scopri di più
  • Dal 10 al 12 maggio torna la Grande Sfida Fairtrade
    Dal 10 al 12 maggio torna la Grande Sfida Fairtrade
    Scopri di più
  • Banane Fairtrade: nuovi criteri di accesso alla certificazione per i produttori
    Banane Fairtrade: nuovi criteri di accesso alla certificazione per i produttori
    Scopri di più