Da agosto aumenta il Prezzo Minimo del caffè

Per gli agricoltori pesano l’instabilità finanziaria e le conseguenze del cambiamento climatico

A partire dal 1° agosto aumenterà il Prezzo Minimo Fairtrade per il caffè: la decisione risponde all’esigenza di rafforzare le tutele per i coltivatori in tutto il mondo, sia per l’intensificarsi degli impatti del cambiamento climatico, sia per la crescente volatilità economica globale.

I nuovi prezzi Fairtrade accresceranno il prezzo attuale rispettivamente del 19% e del 29% per il caffè Robusta e Arabica. Ciò fornirà ai coltivatori un significativo supporto in tempi di fluttuazioni selvagge del mercato, permetterà di affrontare meglio situazioni emergenziali come l’aumento dell’inflazione nei Paesi d’origine e aiuterà a coprire parte dei costi aggiuntivi legati all’adattamento al cambiamento climatico. Il nuovo Prezzo Minimo Fairtrade per i chicchi di Arabica (lavati) – che rappresentano oltre l’80% di tutto il caffè Fairtrade venduto – è di 1,80 dollari per libbra, con un aumento di 40 centesimi rispetto al prezzo attuale di 1,40 dollari per libbra. Per la Robusta naturale, il prezzo aumenterà di 19 centesimi, passando a 1,20 dollari la libbra. Infine, l’extra per il caffè biologico Fairtrade è stato aumentato di un terzo, da 30 a 40 centesimi per libbra. Più della metà dei chicchi di caffè Fairtrade venduti nel 2021 è stata certificata come biologica.

Honduras / Fairtrade / Sean Hawkey

“Nonostante le recenti impennate dei prezzi del caffè a livello mondiale, i coltivatori stanno lottando contro l’inflazione, l’aumento dei costi di produzione e la perdita dei raccolti a causa degli effetti del cambiamento climatico. Molti stanno abbandonando le loro aziende agricole in cerca di opportunità altrove e, nelle comunità i giovani faticano a vedere un futuro in questa coltivazione. Il fatto che i gli agricoltori non riescano a vivere del loro lavoro è drammatico per l’industria e un rischio enorme per il futuro del settore del caffè nel suo complesso”, ha dichiarato Monika Firl, Senior Manager per il caffè in Fairtrade International.

“Il Prezzo Minimo Fairtrade è fondamentale per i coltivatori, in quanto li mette al riparo dalle fluttuazioni del mercato. Ma la situazione in cui versano a livello globale sia a causa delle difficoltà finanziarie che dei cambiamenti climatici rimane insostenibile e, detto francamente, mette a rischio l’intero futuro del settore”, avverte Silvia Gonzalez, Manager dell’organizzazione di produttori di caffè del Nicaragua UCA Miraflor e consigliera d’amministrazione nella rete regionale di produttori Fairtrade CLAC.

Per arrivare al nuovo Prezzo Minimo, Fairtrade ha condotto un’analisi dei costi di produzione e un processo di consultazione di tre mesi con le principali parti interessate. Più di 540 partecipanti – l’86% dei quali erano agricoltori – provenienti da 40 Paesi hanno fornito input fondamentali che hanno portato alla proposta di Fairtrade al Comitato per gli Standard e alla decisione di aumentare il Prezzo Minimo.

Fairtrade: Le ultime news

  • Il Trader Standard ora prevede l'HREDD
    Il Trader Standard ora prevede l'HREDD
    Scopri di più
  • Per i coltivatori di cacao in Africa la formazione è cruciale. Tutti i dati nel nuovo rapporto WACP
    Per i coltivatori di cacao in Africa la formazione è cruciale. Tutti i dati nel nuovo rapporto WACP
    Scopri di più
  • Dal 10 al 12 maggio torna la Grande Sfida Fairtrade
    Dal 10 al 12 maggio torna la Grande Sfida Fairtrade
    Scopri di più