Conferenza Fairtrade: redditi dignitosi e futuro sostenibile

4 Luglio 2019

Sullo sfondo di una crisi globale dei prezzi del cacao e del caffè, martedì 2 luglio Fairtrade ha riunito a Bonn produttori, imprese, governi e chi opera per la giustizia nel mercato per definire un futuro sostenibile per i piccoli agricoltori e i lavoratori a livello mondiale.

La conferenza Fairtrade Changing Trade, Changing Lives ha esplorato le tendenze della sostenibilità, delle filiere e dei diritti umani e ha valutato i progressi verso il raggiungimento di redditi dignitosi per un milione e 600 mila agricoltori e lavoratori Fairtrade in tutto il mondo.

“L’attuale crisi dei prezzi del cacao e del caffè è sintomatica di una frattura del sistema commerciale globale, in cui molti agricoltori e lavoratori non guadagnano abbastanza per pagare il minimo indispensabile come cibo, casa, istruzione”, ha spiegato Darío Soto Abril, CEO di Fairtrade International. “Fairtrade non può vincere da solo questa sfida. È bello vedere alcuni dei più grandi marchi del mondo seduti nella stessa stanza con i principali schemi di certificazione, per esaminare i modi con i quali affrontare le ingiustizie di sistema nelle filiere”.

“Fairtrade sta guidando la battaglia per un reddito dignitoso nei settori del cacao, delle banane e del caffè”, ha concluso. “Ma possiamo farlo solo in collaborazione con gli operatori commerciali, i marchi e i rivenditori”.

I marchi principali tra cui Nestlé, Mars Wrigley, Lidl, Coop, Fyffes e Barry Callebaut hanno preso parte alle tavole rotonde sui redditi minimi di sussistenza per i coltivatori di cacao e sui salari dignitosi per i lavoratori nelle piantagioni di banane.

“Senza coltivatori di cacao non abbiamo un business, motivo per cui il reddito minimo di sussistenza è così importante”, ha dichiarato Michelle O’Neill, VP Global Corporate Affairs Cocoa di Mars Wrigley. “Sosteniamo il recente prezzo minimo base stabilito dai governi per il cacao in Ghana e Costa d’Avorio a patto che il nuovo prezzo si estenda al contadino. Vogliamo tutti che gli agricoltori ottengano uno standard di vita decente e vengano ricompensati per la coltivazione del cacao in modo sostenibile “.

Affrontando il tema dei prezzi insostenibilmente bassi che stanno portando al fallimento migliaia di produttori di caffè, Roberto Vélez Vallejo, CEO della Colombian Coffee Growers Federation, ha dichiarato che la crisi del caffè si concluderà solo quando gli agricoltori riceveranno un prezzo equo. “Nel 1980 il caffè costava tre dollari a libbra. Due settimane fa era a 88 centesimi. I coltivatori di caffè ottengono meno dello 0,4% del prezzo. Chi può vivere con quei soldi? L’industria del caffè è in buona salute e la domanda è in crescita, tuttavia i coltivatori di caffè lo vendono sotto il costo di produzione. Non dovrebbe essere permesso”.

“Dobbiamo tutti collaborare più strettamente per impostare la rotta verso un futuro in cui le persone e la natura prosperano in armonia”, ha dichiarato il CEO di Rainforest Alliance, Han de Groot, che ha partecipato a una tavola rotonda su Certification and Beyond. “Una maggiore collaborazione con governi, aziende, ONG e produttori è la chiave. Rainforest Alliance e Fairtrade hanno obiettivi simili e affrontano alcune grandi sfide comuni. Un aspetto centrale è come sostenere meglio gli agricoltori e i lavoratori che cercano di ottenere redditi dignitosi. Conferenze importanti come questa ci portano ad un passo in avanti verso un futuro più sostenibile per i piccoli agricoltori del mondo”.