Samson Koskei, Kabngetuny Farmers Coopertative Society LTD's Chairman, speaking at the annual general assembly.

Kenya: i coltivatori di caffè tornano a scuola

14 novembre 2017

È un giorno di un caldo rovente alla cooperativa di produttori di caffè Machakos, 60 km a sud della capitale del Kenya, Nairobi. A dispetto del caldo, più di cento coltivatori di caffè, donne e uomini, stanno seduti in una classe di quella che potrebbe essere una delle più strane scuole del mondo, l’Accademia Fairtrade sul clima.

In aula

“L’idea qui è quella di formare i contadini a diventare più resilienti e più imprenditori” dice Wangeci Gitata, responsabile Gestione risorse e partnership per Fairtrade Africa. È un progetto a lungo termine, stiamo formando i contadini che possano poi andare nelle loro zone e insegnare ad altri. Le loro aziende diventano così il modello a cui possono aspirare altre persone e imparare”.

I coltivatori di caffè in Kenya e da altre parti in Africa dell’Est sono sensibili alle temperature e non soltanto in questo giorno assolato. Durante un corso intensivo di 4 ore, gli agricoltori della cooperativa Machakos imparano strategie e tecniche per l’adattamento alla nuova situazione climatica, come la conservazione dell’acqua, la piantumazione di piante che forniscano ombra, la coltivazione di differenti specie per diversificare il loro reddito e l’uso di energia pulita al posto del taglio degli alberi per bruciare la legna. Seimila contadini e le loro famiglie appartenenti a 25 cooperative all’interno del coordinamento di Machakos contano su piante sane di caffè per la loro sussistenza ma il cambiamento climatico fa in modo che questo obiettivo diventi sempre più incerto. “La produzione di caffè è sotto minaccia, specialmente in questa regione” dice Kubasu Agapeters che segue le partnership a Fairtrade Africa. La produttività sta diminuendo. I contadini non hanno sempre le conoscenze necessarie per l’adattamento al cambiamento climatico. Pensano che sia normale ma, se si guarda alla storia del clima in questa zona, si può osservare che non è normale. C’è poca consapevolezza sulle cause di questo fenomeno, loro non si rendono conto che è provocato dall’uomo”.

E sul campo

Quando è finita la sessione in classe, è il momento di andare fuori nei campi per una formazione pratica. Agli agricoltori viene mostrato che piantare banane, avocado e alberi di macadamia tra le piante di caffè non solo fornisce ombra di cui le piante hanno bisogno – Machakos è solo a 200 chilometri dall’Ecuatore – ma anche risorse alternative di reddito per compensare i raccolti più scarsi. “Sono alberi che possono resistere a condizioni ambientali dure, dice Kubasu. Attualmente nutrono la terra e quando cadono formano uno strato di pacciamatura. Quando hai alberi che fanno ombra nel tuo appezzamento significa che stai conservando l’umidità del suolo”. La Fairtrade climate Academy ha l’obiettivo inoltre di presentare in modo più attrattivo l’attività agricola per le prossime generazioni di agricoltori. “Molti contadini sono poveri, dice Wangeci. “La maggior parte dei giovani non vuole praticare più l’agricoltura. Pensano che sia un lavoro difficile e che non sia ripagato. Se i contadini possono migliorare le loro imprese, se possono diventare più forti, questa è anche una speranza per il futuro”.