Black Friday: non dimentichiamoci delle persone

La moda sostenibile, per essere realmente tale e non solo “greenwashing”, deve essere un’attività etica, socialmente e dal punto di vista ambientale. Intervista ad AlgoNatural in occasione del Black Friday.

Lo staff di Algonatural

Marisol desiderava dare vita a un progetto che puntasse non solo alla vendita di abbigliamento alla moda e per tutti i giorni, ma focalizzato sulla sostenibilità e il rispetto della salute delle persone e dell’ambiente.

Nel 2015 a Udine apre così i battenti Algonatural il suo negozio di “moda al naturale”, oggi anche e-commerce. In occasione del Black Friday le abbiamo chiesto cosa significa per lei moda sostenibile:

La moda sostenibile è quella che non sfrutta le persone, che non inquina e non è pericolosa. E dovrebbe essere sostenibile anche per chi acquista, perché pensata per durare nel tempo, e non per essere cambiata spesso e con superficialità.

Al posto degli acquisti compulsivi, noi sosteniamo quelli consapevoli e tranquilli

La logica della scarsità, dell’urgenza e dell’offerta imperdibile sono tipiche della “fast-fashion”. Noi suggeriamo, invece, di fare acquisti ponderati, non guidati dall’emozione e dal senso di urgenza creato da alcune aziende.

Mi piacerebbe anche far riflettere le persone sul valore degli articoli, termine che preferisco a quello del prezzo. Il valore di un prodotto è legato non solo al costo della materia prima ma a tutta il processo produttivo e, soprattutto, alle modalità di coltivazione e produzione.

Facciamo acquisti ragionati

Di per sé non è sbagliato, per il consumatore, cercare di risparmiare; ma la logica non può essere sempre quella del prezzo più basso.

Se gli articoli vengono continuamente proposti con sconti spropositati oppure a prezzi molto più bassi a quelli di listino, sicuramente chi acquista risparmia ma, altrettanto sicuramente, c’è qualcun altro a pagarne il prezzo (e molte volte sono le persone e/o l’ambiente).

Riassumendo: facciamo acquisti ragionati senza dimenticare tutti i soggetti coinvolti nella produzione e nella distribuzione.

Come consumatori non è semplice capire di chi fidarsi

Per questo bisogna imparare a leggere le etichette e, soprattutto, cercare le certificazioni. Come facciamo ormai con gli articoli di cosmetica o i prodotti alimentari.

News: Le ultime news

  • Dolce Pasqua con Fairtrade
    Dolce Pasqua con Fairtrade
    Scopri di più
  • Rose e serre: un nuovo studio descrive i risultati positivi per i lavoratori
    Rose e serre: un nuovo studio descrive i risultati positivi per i lavoratori
    Scopri di più
  • L'Istituto Romagnosi di Piacenza è la prima scuola Fairtrade
    L'Istituto Romagnosi di Piacenza è la prima scuola Fairtrade
    Scopri di più