Consiglio UE e due diligence: agricoltori indeboliti

Il primo dicembre il Consiglio dell’Unione Europea ha adottato la sua posizione negoziale sulla direttiva sulla dovuta diligenza .

©FAIRTRADE Austria – Matt Banton

Fairtrade accoglie favorevolmente la decisione che consente alla proposta di Direttiva di fare un salto in avanti. Nello stesso tempo siamo contrariati: il Consiglio non ha saputo prendere una forte posizione, in particolare per quanto riguarda la protezione dei diritti dei piccoli agricoltori e lavoratori.

“Per i piccoli produttori è molto preoccupante che la posizione del Consiglio non espliciti nemmeno il reddito dignitoso come un diritto umano né includa le pratiche di acquisto nell’obbligo di diligenza” ha commentato Tytti Nahi, direttrice dell’Unità di business e diritti umani di Fairtrade.

Il Parlamento Europeo sta prendendo invece un’altra strada nel percorso di elaborazione sulla stessa Direttiva. La relatrice principale della Commissione Giuridica del Parlamento, Lara Wolters, ha incluso entrambi gli aspetti nel progetto di relazione della Commissione. Fairtrade raccomanda vivamente al Parlamento di mantenere questi riferimenti nella sua posizione finale.

Il reddito dignitoso è uno dei diritti umani

Il reddito dignitoso è cruciale per piccoli agricoltori, imprenditori, lavoratori e altri che operano in condizioni precarie. Se chi deve prendere le decisioni esclude il reddito dignitoso dallo scopo della legge, come ora è stato suggerito dal Consiglio, potrebbe significare che un grande gruppo di persone che lavora nelle filiere globali sarà lasciato in povertà.

Pratiche commerciali, di approvvigionamento e di determinazione dei prezzi giocano un ruolo chiave sulla capacità dei fornitori di produrre sostenibilità.

Sebbene il Consiglio abbia mantenuto la rispettiva formulazione nei considerando, non l’ha inclusa nella bozza degli obblighi di diligenza per le imprese. Facendo questo, permetterebbe alle aziende di trasferire i loro codici di condotta ai fornitori senza affrontare le pratiche potenzialmente dannose all’interno delle loro operazioni principali. Questo effetto è spesso noto come “clausole contrattuali a cascata”. In più, troviamo allarmante che il Consiglio abbia rimosso la domanda di misure di supporto verso i piccoli imprenditori in territorio non EU (punto 47) che erano stati inclusi nella proposta originale dell’Unione Europea.

Il supporto per i più piccoli è vitale

“Senza offrire un supporto che abbia un impatto concreto sugli attori delle filiere fuori Unione Europea, le violazioni dei diritti umani e di quelli ambientali non possono essere affrontate efficacemente. È frustrante vedere che il Consiglio ha rimosso questo passaggio” ha affermato Sophie Auiean, direttrice globale Advocacy di Fairtrade. Il Consiglio ha discusso inoltre del ruolo degli audit di terze parti e certificazioni. Fairtrade è soddisfatta che la posizione non suggerisca che la responsabilità potrebbe essere trasferita al di fuori dell’azienda (quindi alle certificazioni ndr). Fairtrade rimane fermamente convinta che, sebbene gli schemi volontari di sostenibilità come il suo possano supportare le aziende nell’implementazione di diverse fasi dell’HREDD, non possono sostituire l’HREDD o ridurre la responsabilità delle aziende. Si veda la nostra più recente posizione su questo problema, in linea con lo statement di ISEAL.

Il ruolo delle organizzazioni della società civile

Riconosciamo che il Consiglio ha assegnato un ruolo leggermente più incisivo al coinvolgimento degli stakeholder includendo in questa definizione i sindacati, le organizzazioni della società civile e chi tutela i diritti umani. È  un’aggiunta necessaria Il chiarimento che il disimpegno dell’azienda dovrebbe essere l’ultima risorsa quando i tentativi di prevenire o mitigare gli impatti negativi non abbiano avuto successo. Tuttavia, l’eccezione introdotta sui casi in cui un’azienda non è tenuta a impegnarsi aprirà una problematica scappatoia. Fairtrade continuerà a lavorare con tutti i legislatori sulla proposta di Direttiva. L’Unione Europea non deve perdere questa opportunità di rafforzarsi con una legge ambiziosa che faccia in modo che le aziende rispettino i diritti umani di ciascuno lungo la filiera.

*Nota: Il 27 febbraio scorso la Commissione Europea ha presentato una proposta di Direttiva sulla dovuta diligenza in tema di diritti umani e ambientali. Dopo il passaggio al Consiglio dell’Unione Europea, il primo dicembre scorso, che ha espresso il suo orientamento, ora la palla passa alla Presidenza del Consiglio per l’avvio delle trattative con il Parlamento. 

Fairtrade: Le ultime news

  • L'Istituto Romagnosi di Piacenza è la prima scuola Fairtrade
    L'Istituto Romagnosi di Piacenza è la prima scuola Fairtrade
    Scopri di più
  • Diritti umani e ambientali: Fairtrade pubblica la prima mappa dei rischi
    Diritti umani e ambientali: Fairtrade pubblica la prima mappa dei rischi
    Scopri di più
  • Lo Standard del cacao è stato aggiornato: più requisiti su diritti umani e deforestazione
    Lo Standard del cacao è stato aggiornato: più requisiti su diritti umani e deforestazione
    Scopri di più