La certificazione Fairtrade ha dato alla cooperativa El Guabo gli strumenti per entrare nel mercato internazionale con la scommessa di vendere direttamente le proprie banane senza ricorrere a intermediazioni commerciali. Fondi di credito, migliorie tecniche, formazione, programmi per la salute e molti altri progetti sono stati attivati grazie al Premio.

“Fairtrade ha migliorato le condizioni di vita dei soci della cooperativa e dei suoi lavoratori. Ora abbiamo le risorse per aiutare la nostra comunità e per tutelare l’ambiente” afferma Jovanny Coronel, tesoriere di El Guabo.

La storia di El Guabo

La cooperativa El Guabo nacque nel 1997 dalla scelta di 14 piccoli ed emarginati produttori di banane di associarsi per riuscire ad ottenere un prezzo giusto per il loro prodotto. Era un periodo in cui il mercato dell’esportazione delle banane stava subendo una vertiginosa crescita.

Oggi El Guabo è il punto di riferimento per oltre 2.000 persone provenienti da 15 comunità. Le coltivazioni, che si trovano nella zona sud orientale dell’Ecuador, sono situate per la maggior parte all’interno di un’area della foresta tropicale.

Negli anni l’organizzazione ha organizzato un suo ufficio per l’export, grazie al quale ha eliminato la sua dipendenza dagli intermediari locali, diventando così uno dei maggiori esportatori di banane Fairtrade per USA ed Europa.

Lavaggio della frutta post raccolta

Che cosa ha fatto El Guabo con il Premio Fairtrade

  • Un fondo comune offre ai lavoratori la possibilità di ricevere del credito e li informa sulle opportunità di investimento.
  • Migliorie nei sistemi di irrigazione e imballaggio.
  • Corsi di aggiornamento
  • Educazione: forniture per le scuole locali, come cancelleria, zaini e banane per i figli dei lavoratori.
  • Salute. È prevista una assicurazione sanitaria per tutti i membri e gli impiegati.
  • Programmi per il riciclo dei rifiuti  in tutte le strutture.

    Grazie al Premio, la cooperativa ha costruito un centro per persone diversamente abili

Paese

Ecuador

Anno di fondazione

1997

Lavoratori

350 membri, 2000 lavoratori