Cidora Samaniego Yanallaco: una vita spesa a coltivare il caffè

08 luglio 2013

Cidora Samaniego Yanallaco vive a Montero,villaggio di 7000 abitanti a nord del Perù. Ha 82 anni e da sempre coltiva caffè. Possiede un piccolo appezzamento di terreno che lavora con i suoi 5 figli, racconta: “Non riesco a smettere di lavorare, senza la mia terra non saprei cosa fare. Inoltre così, contribuisco al reddito della famiglia”.
Cidora appartiene alla cooperativa di produttori CEPICAFE, nata nel 1995 a Piura (Perù) con l’obiettivo di migliorare la qualità della vita dei coltivatori di caffè, cacao e canna da zucchero della zona che oggi coinvolge oltre 6700 piccoli produttori. Grazie alla certificazione Fairtrade, la cooperativa offre ai suoi associati la possibilità di avere un lavoro dignitoso e di ricevere un giusto prezzo per i propri prodotti.
In passato, la mancanza di conoscenze tecniche e commerciali li costringeva ad affidarsi ad intermediari locali e a svendere il prodotto, rimanendo in una condizione di povertà permanente. All’interno del circuito Fairtrade, i piccoli produttori hanno innalzato la qualità delle produzioni e hanno cominciato così a vendere il raccolto anche nei mercati internazionali. Forte è l’ impegno per l’ambiente: impiegano tecniche di coltivazione sostenibili, senza utilizzo di sostanze chimiche. “Con il precedente proprietario, eravamo come schiavi. Organizzandoci autonomamente abbiamo imparato come coltivare caffè di qualità senza utilizzare pesticidi chimici. In questo modo abbiamo potuto vederlo ad un prezzo più alto e, di conseguenza, abbiamo migliorato i nostri introiti”,  spiega Cidora.

Scopri la storia di CEPICAFE’ in questo video.