30 Settembre 2019

Molti di noi iniziano la propria giornata con una tazza di caffè, (ok, forse più di una…). Ma  il nostro cappuccino mattutino dipende dal faticoso lavoro di più di 25 milioni di piccoli produttori nel mondo. Per questo dovremmo anche pensare a cosa occorre per coltivare quei deliziosi chicchi. Qui vi diciamo sei importanti ragioni per scegliere Fairtrade nella Giornata internazionale del caffè e tutti i giorni!

Sa di buono

Pensi di dover sacrificare la qualità per l’equità? Pensaci bene! L’anno scorso in una competizione in Kenya per decretare i migliori caffè, 4 u 10 erano certificati Fairtrade. Più di metà del caffè Fairtrade venduto è anche certificato biologico. I network regionali di produttori Fairtrade stanno formando i contadini su come continuare a migliorare la qualità e anche su come commercializzarlo con successo.

Il Prezzo minimo Fairtrade è una rete di sicurezza per i contadini che li aiuta ad affrontare il crollo dei prezzi

Il prezzo globale del mercato per il caffè arabica è crollato l’anno scorso ai minimi storici degli ultimi 12 anni, sotto 1 dollaro alla libbra. Questo significa scendere al di sotto dei costi di produzione per molti contadini, e che le famiglie fanno fatica a sopravvivere. Uno studio ha scoperto che due terzi dei contadini che coltivano caffè in Nicaragua, Guatemala e Messico vive 3 mesi su 8 il cosiddetto periodo di “magra”, ovvero di estrema scarsità di cibo fra quando esauriscono i soldi guadagnati a quando inizia la successiva stagione dei raccolti. Incapaci di arrivare alla sopravvivenza, gli agricoltori stanno facendo la difficile scelta di migrare verso le città o all’estero.

Il Prezzo minimo Fairtrade garantisce che le cooperative di contadini guadagnino per lo meno 1.40 dollari a libbra o 1.70 per il biologico, più un Premio Fairtrade addizionale di 20 centesimi a libbra che decidono liberamente come investire. Queste cifre messe insieme rappresentano il 65% di più della media del prezzo di mercato di 0.97 centesimi a libbra che hanno ricevuto negli ultimi 6 mesi di quest’anno. Non è la prima volta che il prezzo del caffè crolla. I prezzi del caffè sono molto variabili e questo rende impossibile per gli agricoltori pianificare la produzione. Il Prezzo minimo Fairtrade è una rete di sicurezza dal momento che protegge i contadini quando i prezzi del mercato flettono in basso e permette loro di guadagnare di più quando il prezzo del mercato è più alto. Il grafico mostra il Prezzo Minimo Fairtrade da quando è in vigore, negli ultimi 20 anni. Rappresenta le due decadi in cui è attiva questa rete di salvataggio, che è ora più importante che mai dal momento che i costi di produzione si sono alzati e sono presenti altre sfide economiche, sociali e ambientali.

Negli Standard Fairtrade si costruiscono migliori condizioni commerciali

Il prezzo è solo uno degli strumenti utilizzati per supportare gli agricoltori nell’instabilità del mercato. Secondo la nostra esperienza, le aziende hanno bisogno di adottare politiche di condivisione dei programmi di approvvigionamento, applicare ragionevoli termini di pagamento e facilitare l’accesso al finanziamento pre produzione. Gli Standard Fairtrade per i traders richiedono proprio questo tipo di iniziative per costruire relazioni a lungo termine e reciprocamente vantaggiose tra produttori e compratori che permettano ai produttori di pianificare il future e realizzare investimenti strategici.

Fairtrade aiuta le donne coltivatrici di caffè a diventare leader e imprenditrici

Gli Standard Fairtrade richiedono che le donne abbiano uguali opportunità all’interno delle loro cooperative. Ketra è una coltivatrice di caffè ed è contabile per la sua cooperativa, Ankole Coffee Producers Cooperative Union. “Fairtrade ha rafforzato le donne affinché assumano ruoli importanti nella leadership e nei livelli manageriali… Sono una contabile e sono una contadina nello stesso tempo, in questo modo mi hanno rafforzata. Fairtrade chi ha aiutate a crescere, ad aiutare a crescere i nostri soci, ad aiutare i nostri bambini ad andare a scuola. Questo ha cambiato le nostre vite”.

Ankole è anche una delle tre cooperative che hanno recentemente lanciato il loro primo caffè robusta il cui marchio è proprietà dei produttori.

Il cambiamento climatico colpisce il caffè – e Fairtrade supporta gli agricoltori nell’adattamento

Con il cambiamento climatico in atto, la vostra tazza mattutina potrebbe diventare una lontana memoria… La ricerca dimostra che le aree adatte alla crescita del caffè potrebbero dimezzarsi in pochi decenni. Entro il 2050 il caffè spontaneo potrebbe estinguersi. Il Premio Fairtrade permette alle cooperative di investire nell’adattamento climatico, per esempio piantando arbusti resistenti alla siccità o alle malattie. Fairtrade lavora anche con i partner commerciali e donatori per affrontare il cambiamento climatico. Ad esempio, un progetto triennale con Fairtrade Finlandia ha supportato quasi 5000 coltivatori di caffè dell’Honduras in modo che diventassero più resilienti al cambiamento climatico e per riprendersi da una devastante epidemia della ruggine del caffè (conosciuta come “La roya”).

Un produttore di caffè siede sui sacchi di caffè raccolto nel suo campo (Carsbil, Honduras). Copyright Sean Hawkey

Il futuro del caffè dipende dalla capacità dei contadini di guadagnare un reddito dignitoso

Fairtrade vuole assicurarsi che i contadini non solo sopravvivano ma prosperino. La nostra strategia del reddito dignitoso stabilisce che cosa ha bisogno di guadagnare un contadino per far fronte ai bisogni di base, inclusi un cibo che nutre, vestiti, case ed educazione per i figli. Un prezzo giusto è la chiave ma c’è anche la produttività, la qualità e l’efficienza dell’impresa. Perlomeno 5 centesimi per libbra del Premio Fairtrade vanno per il miglioramento della produttività e della qualità. Paul Katzeff, CEO DI Thanksgiving Coffee e uno dei fondatori di Specialty Coffee Association America, è d’accordo sul fatto che un dignitoso reddito per gli agricoltori del caffè è essenziale. “Abbiamo bisogno focalizzarci su quello che è necessario per assicurare un vero reddito dignitoso per questa generazione di contadini come per la prossima. Credo che il movimento Fairtrade sia un modo per mettere i prezzi attuali più in linea con i costi di produzione, migliorando la vita delle famiglie di agricoltori nel mondo”.

Continuiamo a fare pressione per il cambiamento e per portare benefici per più di 760.000 agricoltori Fairtrade che coltivano il caffè. Come parte di questa strategia, stiamo rivedendo il nostro Standard del caffè che aiuterà i piccoli produttori a ottenere una fetta più equa dei 200 miliardi di dollari del mercato globale. Nello stesso tempo, prendi un’altra tazza di caffè Fairtrade e sii consapevole che stai facendo la tua parte per supportare i coltivatori di caffè in tutto il mondo.

 

Vuoi che ti spediamo la prossima news via email?

Iscriviti alla nostra newsletter. Novità due volte al mese e, subito, un regalo di benvenuto.