8 Novembre 2019

In Ecuador il salario digno (il salario dignitoso) è stato stabilito dal governo per assicurare una giusta remunerazione ai lavoratori e ridurre la povertà. Tutti i lavoratori delle piantagioni, inclusi quelli con i salari più bassi, devono ricevere almeno il salario digno, uno stipendio dignitoso di 444,62 dollari al mese, che è più alto del salario minimo del paese.

 

Lavoratrice di Asoguabo, Ecuador. Copyright Jose Casuso

I dati mostrano che, nelle piantagioni certificate Fairtrade, il salario più basso che i dipendenti ricevono è di 570 dollari, più un ulteriore premio medio di 31 dollari per contribuire a progetti collettivi. Nel caso della Colombia, la forte collaborazione tra i sindacati e i proprietari delle piantagioni ha giocato un ruolo importante nel raggiungimento di un accordo di contrattazione collettiva per aumentare i salari. Nel settembre del 2019, Sintrainagro, il sindacato dei lavoratori colombiani, e Augura, l’associazione dei lavoratori, che rappresenta la maggior parte delle aziende che coltivano banane per l’esportazione, hanno siglato un nuovo accordo per aumentare i salari di un ulteriore 5.5%. Questo aumento si aggiunge a un tasso salariale negoziato che supera l’attuale salario minimo del paese. “I casi di Ecuador e Colombia dimostrano il ruolo cruciale che i governi, i sindacati e i lavoratori giocano assicurando che un salario dignitoso può essere riconosciuto, non solo ora ma a lungo termine. Senza la regolamentazione del governo, una corretta applicazione e la contrattazione collettiva, è impossibile raggiungere questo tipo di accordo. Il ruolo di Fairtrade è quello di supportare attivamente e di integrare i loro sforzi facendo in modo che i lavoratori possano esercitare i loro diritti fondamentali e le loro libertà nelle piantagioni certificate. Inoltre, i lavoratori ci hanno detto che il Premio Fairtrade fa una reale differenza nel loro salario. Oltre a questo, noi ci battiamo per un maggiore impegno rispetto al Prezzo Minimo Fairtrade da parte degli altri attori della filiera fino ai supermercati” spiega Wilbert Finterman, Senior advisor per i diritti dei lavoratori e le relazioni con i sindacati per Fairtrade International.

Lavoratore di Cobafrio, Colombia. Copyright Fairtrade International

Un prezzo sostenibile e un Premio Fairtrade sono la chiave

Fairtrade supporta le aziende del settore assicurando uno stabile ingresso per le loro banane attraverso il pagamento del Prezzo Minimo Fairtrade. In più, per ciascuna cassa di banane vendute a condizioni Fairtrade, i lavoratori nelle piantagioni certificate ricevono un Premio che può essere usato per integrare i bisogni di base ed è parte del miglioramento delle loro condizioni di vita.

Per esempio, i lavoratori e le loro famiglie hanno accesso all’istruzione gratuita, ma usando il Premio Fairtrade possono provvedere al necessario: divise, scarpe e zaini e il trasporto verso la scuola e verso casa. I lavoratori possono accedere a cure sanitarie a livello locale ma il Premio permette loro di bypassare tempi di attesa lunghi, accedere a cure di buona qualità e a servizi di salute per la maternità, dentisti e soccorso in situazioni di emergenza, per esempio. “I lavoratori e i proprietari delle piantagioni hanno bisogno uno dell’altro. Siamo un team” dice Esteban Subia, proprietario di una piantagione di banane certificate Fairtrade in Ecuador, Finca El Remanso. “I lavoratori possono decidere come usare i soldi del Premio Fairtrade. C’è voluto un po’ per abituarsi, ma dopo un anno abbiamo visto subito la differenza: cibo migliore, migliore educazione, più bambini che hanno avuto accesso all’istruzione superiore e più lavoratori alla formazione. Questo è importante anche per me come titolare. Il mio staff è così più motivato e non mi ha mai deluso”.

Un ulteriore passo: gli sforzi di Fairtrade per raggiungere il salario dignitoso in tutte le origini delle banane.

Il salario dignitoso è un parametro per il pagamento minimo che i lavoratori ricevono per una settimana standard di lavoro e che permette loro di raggiungere uno standard di vita adeguato. È un salario che comprende cibo nutriente, abitazioni decorose, vestititi, educazione, cure sanitarie, trasporto e un piccolo “cuscinetto” per spese impreviste. Gli attori locali in Colombia ed Ecuador hanno fatto buoni passi verso il pagamento di un salario dignitoso per i loro lavoratori e Fairtrade cerca di affermare i loro risultati attraverso i parametri del salario dignitoso che dimostrano uno sforzo congiunto per alleviare la povertà in quei paesi. Tuttavia, altri paesi produttori di banane hanno ancora una lunga strada da percorrere. In alcuni, i livelli di salario minimo legale sono inadeguati per andare incontro ai bisogni essenziali dei lavoratori. Fairtrade considera prioritario lavorare nei paesi produttori di banane dove i parametri di salario dignitoso hanno mostrato che questo gap è significativo. In più, sta intensificando il suo lavoro con i sindacati, i proprietari delle piantagioni, i governi, le organizzazioni non governative e altri certificatori per creare le condizioni giuste per pagare un salario dignitoso. In alcune origini chiave delle banane, come la Repubblica Dominicana, il Ghana e il Camerun, Fairtrade sta già contribuendo a costruire ponti tra lavoratori, sindacati e impiegati.

 

 

 

Vuoi che ti spediamo la prossima news via email?

Una volta al mese ti racconteremo una nuova storia del commercio equo e solidale