Premio europeo “Fair and Ethical Trade City”

12 ottobre 2016

Dopo un anno dalla presentazione della strategia “Trade for All”, oggi il commissario Ue al commercio, Cecilia Malmström, ha annunciato ufficialmente l’istituzione del nuovo premio “Fair and Ethical Trade City”, i cui obiettivi principali sono la sensibilizzazione dei cittadini europei e la conoscenza del ruolo degli enti locali nel promuovere il commercio equo ed etico.

La notizia è stata comunicata da Linda McAvan, presidente della Commissione per lo sviluppo del Parlamento europeo e da Bernd Lange, presidente della Commissione per il commercio internazionale, durante l’annuale colazione del commercio equo al Parlamento europeo.

L’evento, organizzato nell’ambito delle attività “Smart Food Cities for Development”, durante la settimana del commercio equo e solidale belga, ha visto la partecipazione di numerosi deputati di vari paesi e rappresentanti del movimento del commercio equo e solidale degli enti locali.

Il movimento “Fair Trade Towns” è partito da Garstang (UK), quando, nell’aprile del 2000, i residenti hanno definito la città la prima “Fair Trade Town” al mondo. Le Fair Trade Towns sono cresciute coinvolgendouna vasta rete di 1.800 città impegnate nella promozione del commercio equo e solidale a livello locale, attraverso una combinazione di attività di sensibilizzazione, appalti pubblici, impegno del settore privato locale e della società civile.

«Accogliamo con favore la nuova iniziativa e ci impegniamo a sostenere la Commissione affinché venga conosciuta e accolta», ha dichiarato Sergi Corbalan, direttore esecutivo di “Fair Trade Advocacy Office”.