Oro sostenibile per i gioielli italiani

24 agosto 2016

I temi della tracciabilità e della sostenibilità della filiera dell’oro saranno al centro della Conferenza che si terrà lunedì 5 settembre nell’ambito di “VICENZAORO September 2016”, il Salone internazionale di oreficeria e gioielleria organizzato da Fiera di Vicenza, che si terrà a Vicenza dal 3 al 7 Settembre 2016.

Le condizioni sociali e ambientali in cui vengono prodotti i metalli preziosi sono sempre più al centro dell’interesse degli operatori del settore e l’incontro servirà a offrire, tra l’altro, una panoramica dello standard Fairtrade, con uno sguardo verso le nuove opportunità di sviluppo di un oro “sostenibile”.

Infatti, il marchio di certificazione etica Fairtrade, garantisce che l’oro sia frutto del lavoro equamente retribuito dei lavoratori delle miniere di piccola scala nei Paesi in via di sviluppo, che la sua estrazione sia avvenuta attraverso un uso adeguato e sicuro delle sostanze chimiche necessarie e che non vi sia stato sfruttamento di lavoro minorile.

Inoltre, ai produttori viene assicurato un premio aggiuntivo sull’oro venduto, il Fairtrade Premium, che deve essere reinvestito in progetti sociali a favore delle comunità locali.

L’incontro è organizzato da Argor-Heraeus Italia Spa ed è aperto agli operatori presenti a VICENZAORO September 2016, ecco il programma:

ORO TRACCIABILE E ORO FAIRTRADE

Una nuova opportunità per il gioiello italiano

5 settembre 2016 ore 15.00 – 16.00, Hall 7.1 – Sala 7.1.2b (Sala Tiziano B), l’ora (15:00-16:00)

Con la partecipazione di:

Giuseppe Larghi, Dir Gen. Argo -Italia S.p.A.

Christoph Wild, AD Argor-Heraeus Italia Spa e Co-CEO del Gruppo Argor

Marco Quadri, Dir. Prodotti Industriali, Argor-Heraeus SA Svizzera

Adrian Höringer, Business Development Manager Gold, Fondazione Svizzera Fairtrade Max Havelaar

Phaedon Stamatopoulos, Dir. Raffineria e Fonderia, Argor-Heraeus SA Svizzera