Il cotone, ovvero l’oro bianco

09 luglio 2013

Il cotone è un prodotto fondamentale per tutta l’industria tessile internazionale così come per l’economia dei Paesi in via di sviluppo. Si stima che siano circa 100.000 i piccoli coltivatori coinvolti nella sua produzione in 70 paesi di tutto il mondo, 2/3 dei quali si trovano in Africa, Asia e America latina. Per la maggior parte delle comunità coinvolte in questo settore il cotone rappresenta l’unica fonte di guadagno: nell’Africa occidentale, ad esempio, arriva a costituire fino al 40% del valore delle esportazioni, ma nonostante questo i coltivatori continuano a vivere nella povertà, guadagnando all’incirca $2 al giorno. Secondo i dati diffusi da Fairtrade International nel report “Monitoring the scope and the benefits of Fairtrade” alla fine del 2011 erano 35 le organizzazioni di produttori di cotone Fairtrade che lavorano all’interno del circuito del commercio equosolidale certificato – un leggero calo rispetto al dato di due anni prima. Grazie alla partecipazione al circuito Fairtrade nel corso del 2010-2011 i piccoli coltivatori di cotone hanno ricevuto, oltre ad un prezzo stabile, un guadagno aggiuntivo, il Fairtrade premium, di quasi 1,2 milioni di euro per attivare progetti di sviluppo. Dei proventi ottenuti, circa il 60% è stato utilizzato per investimenti per la crescita delle organizzazioni, mentre la parte rimanente nelle comunità stesse e in progetti educativi.