Cosa blocca la Legge sul Commercio Equo?

A quasi otto mesi dall’approvazione alla Camera dei Deputati, della proposta di legge “Disposizioni per la promozione e la disciplina del commercio equo e solidale” si sono perse le tracce.

Sostenuta e auspicata dall’intero movimento italiano del Commercio Equo e Solidale, la legge punta soprattutto sul riconoscimento di questa forma di economia come grande strumento di cooperazione internazionale.

«È importante che l’iter legislativo per l’approvazione al Senato riprenda velocemente per far si che la proposta di legge non rimanga tale ma diventi legge a tutti gli effetti, riconoscendo finalmente al Commercio Equo e Solidale un ruolo importante nell’economia e come strumento per uno sviluppo sostenibile», dichiarano Giovanni Paganuzzi, Giuseppe Di Francesco e Massimo Renno, rispettivamente presidenti di Equo Garantito, Fairtrade Italia e Associazione Botteghe del Mondo. 

 

News: Le ultime news

  • Un nuovo fondo Fairtrade per le emergenze climatiche
    Scopri di più
  • Fairtrade ai leader del mondo: il cambiamento climatico è adesso e sta già colpendo gli agricoltori
    Scopri di più
  • Non c'è giustizia climatica senza giustizia nel commercio
    Scopri di più