Buona giornata mondiale del commercio equosolidale

30 aprile 2013

Sabato 11 maggio 2013 è la giornata mondiale del commercio equosolidale, un momento molto importante per Fairtrade e tutti i piccoli produttori e lavoratori operanti nel suo circuito: oltre 1,2 milioni di individui in 66 paesi nel mondo.

FAIRTRADE è l’unico Marchio di Certificazione del commercio equo. È unico perché garantisce la qualità e la sostenibilità ai tuoi acquisti, a vantaggio di una maggior tutela per te e per le persone coinvolte nella produzione di caffè, cacao, banane, riso, tè ma anche fiori, cotone, palloni. Attraverso un sistema internazionale di rigidi Standard, infatti, assicura alle organizzazioni di produttori di Asia, Africa e America Latina condizioni di lavoro di lungo periodo, un prezzo equo e stabile e un margine di guadagno aggiuntivo, il Fairtrade Premium, da investire in progetti a favore delle comunità. Gli Standard Fairtrade sono norme rigorose, stabilite globalmente da Fairtrade International, a cui si devono attenere tutti gli attori della filiera (produttori, trader, trasformatori). Ad oggi, sono stati elaborati gli Standard per 140 prodotti, secondo un processo che coinvolge in prima persona i produttori, con modelli in continua revisione e miglioramento. Il Marchio Fairtrade assicura, inoltre, che il prodotto che hai acquistato sia stato controllato da un ente indipendente, FLO-Cert, nel rispetto dei criteri di terzietà previsti per gli organismi di certificazione dalla norma UNI CEI EN 45011.

Scegliendo i prodotti Fairtrade contribuirai anche tu a migliorare la vita dei piccoli produttori dei Paesi in via di sviluppo: “Fairtrade ci ha aiutato a crescere. Il commercio equo rende le persone migliori perché diventano più serene, grazie ad un prezzo giusto, che consente loro di svilupparsi, di mandare i figli all’università, cosa che prima non potevano fare”, Martin Cherres Colmenares, Presidente della Cooperativa Peruviana Apbosmam.

Ognuno di noi può fare la differenza, ma tutti insieme possiamo avviare una vera e propria rivoluzione: buona giornata mondiale del commercio equo!