24 aprile: fashion revolution

Torna il Fashion Revoultion Day, la giornata dedicata alla moda etica che ricorda la strage di Rana Plaza a Dhaka, in Bangladesh, in cui nel 2013 persero la vita 1133 operai del tessile mentre erano al lavoro per produrre capi dei più grandi marchi internazionali.

Tutto parte da una semplice domanda: “Chi ha fatto i miei vestiti?”. Per rispondere il prossimo 24 aprile basta indossare gli abiti al contrario, con l’etichetta in vista, fotografarsi e condividere le foto attraverso i social media (Facebook e Twitter) con l’hashtag #whomademyclothes, inviandole anche ai grandi marchi della moda e condividendo le loro risposte.

L’anno scorso hanno aderito decine di migliaia di persone in tutto il mondo e anche la prossima settimana saranno in migliaia, dai coltivatori di cotone ai lavoratori delle fabbriche, dai grandi marchi ai negozi di abbigliamento, dai consumatori agli attivisti, a celebrare la sostenibilità e il rispetto dei diritti anche nella moda.

Per maggiori informazioni: www.fashionrevolutionday.org

News: Le ultime news

  • Uova, colombe e golosità al cioccolato per una dolce Pasqua
    Scopri di più
  • Riduzione del cadmio nel cacao: avvio di una sperimentazione in Perù
    Scopri di più
  • A scuola di sviluppo sostenibile con AIESEC e Fairtrade
    Scopri di più