03 Luglio 2019

L’industria mondiale del caffè sta affrontando una crisi dei prezzi senza precedenti, che non solo minaccia la nostra tazzina quotidiana, ma anche – molto più importante – mette a repentaglio la sopravvivenza di milioni di piccoli coltivatori in tutto il mondo. I trader del caffè, i torrefattori e i rivenditori devono fare i conti con il fatto che non pagando un prezzo equo agli agricoltori è a rischio la sostenibilità economica futura del business globale del caffè.

Il caffè è uno dei prodotti più scambiati al mondo. Il business globale del caffè vale oltre 200 miliardi di dollari l’anno. I consumatori di molti paesi ricchi sono disposti a pagare più di tre dollari per la loro dose giornaliera di caffeina. Uno dei più esclusivi outlet di Londra recentemente ha fissato il prezzo di un caffè a circa 20 dollari a tazza. Tuttavia, come un contadino guatemalteco ha riassunto: “Il problema non è il prezzo lì. È quello che pagano qui”.

Sui mercati internazionali, i prezzi del caffè sono i più bassi di sempre in termini reali. A maggio di quest’anno i chicchi di Arabica erano scambiati a 86 centesimi di sterlina sui futures dell’International Commodities Exchange (ICE), il minimo dal 2004. La combinazione di sovraproduzione, volatilità alimentata dalla speculazione e real brasiliano debole – il Brasile conta un quarto della fornitura di caffè a livello globale – ha creato una crisi dei prezzi del caffè che ha colpito più di 25 milioni di piccoli coltivatori in tutto il mondo.

© Sean Hawkey / Fairtrade

I coltivatori stanno in pratica pagando i profitti di un mercato del caffè in piena espansione. Secondo un rapporto pubblicato di recente, quasi il 61% dei produttori vende il proprio caffè a prezzi inferiori al costo di produzione. Il prezzo di mercato globale di oggi, inferiore a 1 dollaro a libbra, è significativamente inferiore a quello di cui gli agricoltori in Colombia, per esempio, hanno bisogno per raggiungere un reddito dignitoso. I coltivatori del Centro America hanno bisogno di ottenere tra 1,20 dollari e 1,50 dollari a libbra solo per andare in pareggio. Di fronte a questo futuro insostenibile, molte famiglie di coltivatori di caffè si convertono ad altre colture o addirittura abbandonano i loro appezzamenti per migrare verso nord negli Stati Uniti.

I coltivatori di caffè Fairtrade godono almeno di una certa protezione dalla crisi. Il prezzo minimo Fairtrade di 1,40 dollari a libbra (1,70 dollari a libbra per i prodotti biologici) è una rete di sicurezza vitale per i circa 800.000 coltivatori di caffè Fairtrade in 30 paesi. Inoltre beneficiano di un premio aggiuntivo di 20 centesimi a libbra, che gli è valso un extra di 94 milioni di dollari nel 2017. Ma per molti, anche questo non equivale a un reddito decente

In una recente visita in Colombia, i coltivatori di caffè ci hanno detto che il prezzo minimo e il Premio Fairtrade sono fondamentali per garantire stabilità nei momenti in cui le fluttuazioni dei prezzi spingono molti produttori di caffè verso la povertà estrema.

Di Darío Soto Abril, CEO, Fairtrade International e Roberto Vélez, CEO, Colombian Coffee Growers Federation (FNC).

Questo contenuto è apparso per la prima volta su In Depth News

Traduzione e adattamento Ufficio comunicazione Fairtrade Italia

 

Vuoi che ti spediamo la prossima news via email?

Una volta al mese ti racconteremo una nuova storia del commercio equo e solidale