Verso Expo2015: caffè Fairtrade e cambiamenti climatici

02 febbraio 2015

Parte il conto alla rovescia di Fairtrade verso Expo2015. Da oggi sul nostro sito internet iniziamo a proporvi periodicamente contenuti legati alla nostra partecipazione al grande evento in programma da maggio a Milano, del quale siamo uno dei partner della società civile. Racconteremo storie di empowerment dei lavoratori dei Paesi in via di sviluppo; parleremo del loro impegno, diventato ormai una necessità, ad utilizzare tecniche di coltura che rispettino l’ambiente; faremo sentire la voce dei rappresentanti istituzionali del nostro circuito; promuoveremo gli incontri per noi più interessanti che avranno luogo nel contesto di Expo… piccole e grandi prove del nostro sforzo quotidiano per costruire un futuro più sostenibile per il pianeta. Buona lettura!

I cambiamenti climatici si combattono anche con l’informazione: Magda Reza, una raccoglitrice di caffè peruviana racconta anche questo in un articolo recentemente pubblicato sul magazine di Expo2015 , dove parla della sua storia e quella della cooperativa di produttori di caffè Fairtrade Sonomoro. In questa organizzazione Fairtrade insieme all’ong Twin Trading e la catena di supermercati tedesca Lidl ha avviato una serie di programmi di formazione a supporto dei piccoli produttori della zona per contrastare i cambiamenti climatici. I raccoglitori di caffè vengono informati sulle tecniche di concimazione, drenaggio delle acque, preparazione del compost per arginare l’epidemia di roja (un fungo che compromette le piante di caffè). Ma i produttori grazie ai programmi hanno imparato anche a diversificare i loro raccolti e coltivare insieme al caffè ad esempio anche il cacao e la jucca. L’articolo completo si può leggere qui.