Sostenibilità e nuove economie: se ne parla a Novo Modo

29 novembre 2017

Nuove economie; finanza etica e tutela dei risparmiatori; “whistleblowing” e legalità; cambiamenti climatici e sostenibilità ambientale; integrazione e migrazioni: sono alcuni dei temi al centro della 4/a edizione di “Novo Modo”, due giorni di incontri e dialogo, promossi da Fondazione Finanza Etica, con il patrocinio della Regione Toscana, che si svolgeranno venerdì 1 e sabato 2 dicembre a Firenze presso Ex-Fila Connessioni Metropolitane (via Leto Casini 11) anche in collaborazione con Fairtrade, tra le altre organizzazioni della società civile a sostenere il festival.

“Cambiare la finanza per cambiare l’Europa”: questo il titolo dell’iniziativa, in cui si incontreranno esperti, studiosi, giornalisti, politici, scrittori, rappresentanti della società civile e del mondo sindacale per discutere di disuguaglianze e delle necessarie azioni da intraprendere per contrastarle.

Promesse mancate

“Nel decennale della crisi economico-finanziaria che ha sconvolto il mondo e che ancora lascia i suoi pesanti condizionamenti sociali, ambientali ed economici sui cittadini di molti paesi europei e del mondo, noi insieme ai partner di Novo Modo ci proponiamo di svolgere una riflessione e di proporre un confronto sui temi delle possibili alternative economiche ad un sistema di economia finanziarizzata che ha mostrato di non essere capace di mantenere le proprie promesse di crescita e sviluppo.” – dice Simone Siliani, direttore di Fondazione Finanza Etica – L’Europa è ancora l’epicentro di questa crisi e di una possibile prospettiva. Novo Modo si propone come l’evento di riferimento per chi si occupa di finanza e di nuove economie in Italia, un luogo dove discutere delle buone regole di giustizia e trasparenza e le buone prassi in grado di contaminare per cambiare la finanza e l’economia tradizionale. Secondo studi della Banca Mondiale e della George Washington University confermati dal Rapporto Consob sulle scelte di investimento delle famiglie, infatti, solo il 37% degli italiani ha una minima conoscenza dei concetti economici e finanziari ed è quindi in grado di compiere scelte di utilizzo dei propri risparmi minimamente consapevole”.

Primo Rapporto sulla finanza etica

Prosegue Andrea Baranes, presidente di Fondazione Finanza Etica: “Tra gli appuntamenti del festival, presenteremo il 1° Rapporto sulla finanza etica in Italia e in Europa di Fondazione Finanza Etica, in cui saranno messe a confronto 21 banche etiche con 15 banche sistemiche europee, dimostrando come su quasi tutti i parametri, quali il patrimonio, prestiti, depositi e attivo, la finanza etica dia maggiori garanzie di sostenibilità e migliori performance di quella sistemica”.

Il programma è a ingresso libero su prenotazione sul sito www.novomodo.org.