Da Città Olimpica a Città Fair Trade

22 agosto 2016

È un momento d’oro per Rio De Janeiro: oltre a ospitare i Giochi Olimpici 2016, è la più grande città dell’America Latina a ricevere il titolo di “Fair Trade Town”.

Nel corso della cerimonia ufficiale, celebrata durante le Olimpiadi, il presidente di Fairtrade Brasile, Naji Harb, ha consegnato l’onorificenza a Frankin Dias Coelho, Segretario comunale per lo sviluppo economico e sociale di Rio de Janeiro: “Adesso Rio de Janeiro è parte di un network di cui fanno parte più di 1.800 Fair Trade Town in tutto il mondo, ha affermato Harb. “Queste città sono impegnate nella formazione dei cittadini e nella diffusione dei principi di Fairtrade e del suo impatto sul cambiamento delle condizioni di vita dei piccoli agricoltori emarginati della Terra”.

Rio de Janeiro è la seconda città del Brasile a ricevere lo status di Fair Trade Town dopo Pocos del Calda nel 2012. I brasiliani possono acquistare i prodotti certificati Fairtrade come succo di Acai, limoni, miele, frutta fresca e caffè in oltre 200 punti vendita, bar e ristoranti in tutta la capitale.

Molti di questi sono prodotti locali, coltivati da produttori certificati Fairtrade in Brasile. Inoltre, nelle varie location dei Giochi Olimpici era disponibile il caffè Fairtrade coltivato nello stato brasiliano di Minias Gerais.

Vendere alle condizioni Fairtrade permette a questi agricoltori di ricevere prezzi migliori per i loro prodotti e investire così nel loro futuro.

Oltre al prezzo minimo garantito, che li protegge dalle fluttuazioni del mercato, i produttori infatti ricevono il Fairtrade Premium, un margine aggiuntivo che gli stessi produttori e lavoratori possono scegliere se investire in progetti di sviluppo delle loro aziende agricole o comunità.

Attualmente in Brasile ci sono 42 organizzazioni Fairtrade, oltre la metà delle quali produce caffè.

Guarda a questo link il video della cerimonia.